ComunicatiPrima pagina

LAVORATORI PRECARI DELLA GIUSTIZIA A RISCHIO LICENZIAMENTO.

PETRONI E NARDELLA( UIL) PROCEDERE CON IL RINNOVO CONTRATTUALE ALTRIMENTI SARÀ COLLASSO DEL SISTEMA
Scade a Giugno il contratto degli ex tirocinanti della giustizia ed inquadrati negli anni che li hanno visti servire i vari uffici giudiziari in qualità di operatori giudiziari.
Gli stessi, assunti con contratto a tempo determinato nel 2011, vedranno scadere il loro contratto nel mese di Giugno.
-Ad affermarlo sono Fabrizio Petroni segretario generale territoriale UIL PA e Mauro Nardella componente della segreteria confederale CST Adriatica Gran Sasso-
 La UIL PA da tempo denuncia la grave carenza di personale del comparto giudiziario e il solo pensare che questi validissimi operatori che hanno reso possibile l’impossibile soprattutto nei due anni di pandemia possano essere svincolati dal rinnovo contrattuale ci allarma non poco e ci indigna.
-Sottolineano i due rappresentanti della UIL-
Ci saremmo aspettati una loro stabilizzazione che comunque continueremo a cercare di favorire.
Parlare di rinnovo resta, neanche a dirlo, il minimo degli obiettivi dalla UIL prefissati ma ad oggi, ci spaventa il fatto che nulla trapela al riguardo.
Non procedere in direzione della loro conferma rischia, inoltre, di portare il sistema al collasso.
-Continuano Petroni e Nardella-
Chiediamo quindi che le istituzioni competenti si adoperino subito affinché si possa procedere in tal senso e dimostrare di essere grati nei confronti di questi degni rappresentanti del comparto lavorativo.

Altri articoli

Back to top button