ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

LE BATTAGLIE CIVILI DELLA “GAZZETTA”

L’anima, l’identità di un organo di informazione si afferma non solo fornendo una informazione a 360 gradi ma anche attivando campagne di sensibilizzazione civile e istituzionale che spesso ci trovano in sintonia con la pubblica opinione. Questa è stata e continuerà a essere la nostra bussola, la nostra stella polare, nel mare magno del giornalismo della carta stampata e on line e dei social. Noi, la squadra de “LA GAZZETTA DI SAN SEVERO” (editore, direzione, redazione, collaboratori, grafici e tipografi), perseguiamo queste finalità. Facciamo bene, facciamo male? Non tocca a noi dirlo, ci rimettiamo al giudizio inappellabile dei Lettori e confidiamo nell’alto numero di consensi che registriamo. Nell’approssimarsi della pausa estiva ci sembra giusto e doveroso sottolineare alcune BATTAGLIE che da questo giornale abbiamo messo in campo nei mesi scorsi al cospetto dei cittadini e dei pubblici Amministratori delle Istituzioni comunali, provinciali e regionali. Ci riferiamo a editoriali e articoli dedicati alla tutela e al decoro dei MONUMENTI, del CIMITERO e di tante STRADE e QUARTIERI in evidenti situazioni di degrado. In occasione del CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA abbiamo segnalato con dovizia di particolari tutti i luoghi e i monumenti che testimoniano il contributo della nostra Città per ricordare la storia del ‘900. Abbiamo fortemente segnalato il pericolo che correva uno dei fiori all’occhiello della nostra comunità come la CASA DI RIPOSO ‘CONCETTA MASSELLI’. Non ci è sfuggito l’evento più amato dai Sanseveresi, la FESTA PATRONALE, per la quale abbiamo messo in guardia chi di dovere a rispettare la tradizione e a innovare con gradualità e giudizio. Abbiamo dedicato numerosi articoli per commemorare il ventennale della scomparsa del grande educatore-scrittore NINO CASIGLIO. Non abbiamo dimenticato di segnalare gli EVENTI STRAORDINARI SUCCEDUTISI DAL 1943 AL 1946 con tutto il carico di svolta epocale vissuto dalla nostra Città nello scacchiere geo-politico della Capitanata. Tutto ciò per innescare un circolo virtuoso nel tessuto di una Città che, purtroppo, ha smarrito il valore della CONVIVENZA CIVILE, della propria IDENTITÀ, del proprio DECORO. Lo diciamo senza polemica ma con chiarezza a tutti noi, autorità in primis. L’attenzione ed il vasto consenso dei Lettori (nei confronti della nostra edizione cartacea settimanale e quotidiana on line) ci confortano e ci incoraggiano a continuare nel richiamare il senso civico di ogni sanseverese e soprattutto di inchiodare alle proprie responsabilità i rappresentanti delle Istituzioni (qualunque ruolo essi ricoprano), ricordando il vecchio detto nostrano che “quando il pesce puzza, puzza dalla testa”. Anche se…tutto il resto del pesce non può certo sentirsi esonerato dal prendersi le sue altrettanto evidenti responsabilità!
LA REDAZIONE

Altri articoli

Back to top button