Cultura

LE RAGAZZE DI QUELLA FESTA DEL SOCCORSO

FABIO, aitante ragazzino di 3^ media, nell’imminenza della Festa del Soccorso, si è recato dal nonno per salutarlo e anche – probabilmente- per ricevere una ‘paghetta’ per una pizza con gli amici. Ma non ha resistito a confessargli una sua curiosità. Gli ha chiesto quale fosse stata la Festa più bella che aveva trascorso quando frequentava la scuola media. Il nonno aggrottò la fronte e rispose: <<La festa più bella? Dunque…era il 1960 e nel clima euforico della Festa Patronale, noi ragazzi, stazionavamo nei pressi della Cattedrale. Da lì prendevamo le mosse per iniziare lunghe ed estenuanti passeggiate circumnavigatorie lungo il “giro esterno” con prolungamenti verso il viale della Stazione oppure verso il viale della Villa. Erano passeggiate a tappeto che avevano un unico scopo: incontrare e quindi seguire, a debita distanza, delle ragazzine intraviste precedentemente. A questo punto ti chiederai,con stupore e incredulità, a cosa servisse questo lungo ”pedinamento”. No, non soffrivamo di turbe psichiche ma semplicemente era l’unico espediente-spesso disperato- per intercettare lo sguardo di quelle ragazzine nella folla, sperando si accorgessero di noi. Se questo accadeva, si poteva considerare un primo grande passo verso la felicità. Il secondo passo-verso il paradiso- era quello di avvicinarle e rivolgere loro una qualche parola.Perché, ti chiederai,era così complicato avvicinare una ragazza? La spiegazione sta nel fatto che allora le ragazze non uscivano quasi mai da sole, erano sempre accompagnate dai parenti. Ma in quella festa si verificò una insperata eccezione.Seguimmo a lungo delle ragazze, giravamo intorno per costringerle a incrociare lo sguardo e quando furono nei pressi di via Roma le avvicinammo. Con l’adrenalina al massimo e una incipiente tachicardìa, quasi in simultanea, chiedemmo: “Scusate vi possiamo parlare”? La risposta fu unNO secco, ma per un attimo incrociammo degli sguardi promettenti.Ecco, l’impresa di “fermare” una ragazza era quasi compiuta.Quella è stata la mia più bella Festa del Soccorso. Quella sera di maggio del 1960, tra le giostre e lo zucchero filato avevo iniziato a corteggiare delle ragazze tra le quali c’era una in particolare, una speciale, che poi sarebbe diventata anche tua nonna>>. “Ah, è così che hai conosciuto la nonna?- sbottò, divertito, FABIO.Questastoria sembra uscita da un film, la posterò su Facebook”. Poi FABIO salutò il nonno che era visibilmente emozionato e se ne andò con le sue amiche in pizzeria.

 

Altri articoli

Back to top button