Comunicati

Legalità mi piace! Anche il Prefetto di Foggia in Confcommercio per la giornata di mobilitazione nazionale mercoledì pomeriggio.

La Confcommercio Imprese per l’Italia di Foggia, aderisce all’iniziativa nazionale: Legalità mi piace! Presso la sede provinciale di via Miranda, mercoledì 25 novembre alle 15:30, è infatti in programma un incontro per analizzare e denunciare l’entità e le conseguenze dei fenomeni criminali sull’economia reale e sulle imprese del nostro territorio. L’appuntamento foggiano rientra nel programma di mobilitazione nazionale della Confcommercio che avrà il suo momento clou la mattina del 25 a Roma con la presentazione al Governo dell’indagine nazionale, svolta in collaborazione con Gfk-Eurisko, su come sono cambiati i fenomeni criminali negli ultimi anni.

A Foggia il presidente Confcommercio, Damiano Gelsomino illustrerà ai presenti ed alla stampa, con il Prefetto di Foggia, Maria Tirone ed il presidente della CCIAA, Fabio Porreca i dati dell’indagine a livello regionale. Mentre con i rappresentanti dell’Associazione Antiracket di Foggia, Cristina Cucci e con il presidente della Fondazione Buon Samaritano, Giuseppe Cavaliere affronterà i temi di più stretta attualità legati alla situazione provinciale.

Per il presidente di Confcommercio: “l’illegalità spesso distrugge il lavoro dei tanti imprenditori onesti che lavorano quotidianamente. Liberare le imprese dai fenomeni criminali rende l’economia del territorio più sana e più forte e la comunità più civile. Per questo a Foggia in un momento particolarmente delicato – ha proseguito Damiano Gelsomino – abbiamo voluto condividere questo momento ­di sensibilizzazione della nostra Confederazione, con quelle realtà, Associazione Antiracket e Fondazione Buon Samaritano, che hanno fatto dell’impegno civile di contrasto a certi fenomeni la loro ragione di essere. Associazioni che  – ha concluso il presidente –  pur esterne a Confcommercio, sono a noi molto vicine, rappresentando in pieno il nostro modo di intendere  e di operare nella lotta alla criminalità”

Altri articoli

Back to top button