In evidenzaPrima pagina

Lo sfogo di una ragazza diversamente abile “nessuno fa niente come deve fare”

Riceviamo e pubblichiamo:

“Ciao, sono M. P., la ragazza diversamente abile che negli anni passati ha scritto e pubblicato un articolo dove mostravo a tutti la poca accessibilità della mia città.
A causa di essa, mi sono dovuta spostare in una città universitaria del nord.
Il problema è che ho una carrozzina vecchia, ingombrante, che sta andando letteralmente a pezzi.
Avendo la residenza a san severo, visto che mi sono trasferita da poco, ho fatto tutto ciò che la legge chiede per avere dallo stato, più precisamente dall’asl di Foggia, una carrozzina nuova magari motorizzata.
Ho fatto richiesta da giugno, ho seguito tutto l’iter legislativo e l’asl non mi ha dato l’ok per passarmi questa carrozzina.
Questo è il “secondo sfogo” di una persona disabile.

“Belle quelle persone che dicono di impegnarsi per il sociale, che vogliono aiutare gli altri e che vogliono vederti felice, che sei bellissima, che sei forte, che sei un esempio, che sei intelligente, che vogliono aiutarti ad essere indipendente e tutte ste cazzate così.
L’indipendenza é una “mia”scelta, é vero, ma io non ce la faccio proprio ad essere quella disabile che deve essere aiutata in tutto, senza idee, senza un motivo per vivere, senza impulsi sessuali, tutta carina.
Io sono quella persona che si incazza, le prime volte non dice niente, ma poi scoppia e diventa una bestia. Belle quelle persone che dicono di
Parlano tanto di indipendenza, di libertà, e poi per una cazzo di carrozzina nuova, magari motorizzata, visto che ormai la mia ha più di sette anni, seguendo tutto l’iter legislativo alla perfezione, l’asl non mi da l’ok per averla.
E niente, sono senza carrozzina motorizzata (perché giustamente non sono raccomandata)
e quella che ho sta andando letteralmente a pezzi.
È inutile prendersela con Dio, la sfiga, la vita, qua il problema è soltanto uno:
Nessuno fa ciò che deve fare, io non dico con amore, ma almeno con criterio.
Tanti saluti da una matricola universitaria fuorisede, incazzata come una bestia.”

M. P.

Altri articoli

Back to top button