ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

LOTTA (ANCHE MANESCA) PER UN POSTO AL SOLE

di DESIO CRISTALLI

Siamo già ai verbi difettivi, come si diceva una volta, per guadagnare un posto al sole a Palazzo Celestini. Capiamo che è il periodo in cui una marea di gente sente la ‘vocazione politica’ ma qui già si sono superati i limiti del buon gusto, dell’equilibrio e dell’educazione, se è vero, come è vero, che sono già volati pugni addirittura tra compagni di partito… Non riusciamo proprio a diventare esemplari in positivo, esibendo spesso la nostra faccia peggiore. Domanda: ma perché la gente critica e maledice la politica un giorno sì e l’altro pure ma poi fa carte false per entrarvi mani e piedi? E’ la ‘fame’ di potere e la voglia irrefrenabile di andare a mischiare e fare le carte a rendere tantissimi affetti da ‘politicomania’ senza averne i numeri, la preparazione e l’esperienza pronti solo a rivelarsi poi uguali o peggiori di quelliche li hanno preceduti. Ci si scanna ricorrendo a leali e sleali colpi proibiti per poi dichiararsi delusi in pochi mesi o, al massimo, in pochi anni. Un esempio: nel corso di questa consiliatura comunale, in poco più di quattro anni e mezzo, parecchi assessori e consiglieri hanno abbandonato il campo o cambiato casacca…TUTTI SBATTENDO LA PORTA! E anche nella stessa opposizione non è mai corso buon sangue…! Ne fanno fede i comunicati diramati e le dichiarazioni rilasciate per motivare le cocenti delusioni alla base dei contrasti o del ‘gran rifiuto’. Eppure solo qualche anno prima avevano scelto la politica per cambiare la grigia realtà locale e per esaudire i bisogni della gente e servire l’interesse collettivo. Peccato che, in tanti casi, di tutto ciò non si sia accorto nessuno!E allora vogliamo una buona volta diventare onesti almeno con sé stessi, dicendo a chiare lettere che si vogliono conquistare poltrone politico-amministrative PER FARE TUTT’ALTRO? Diceva la buonanima di ANDREOTTI che ‘pensar male è peccato ma spesso ce se piglia”. E nella sua navigata saggezza politica non sbagliava perché quel che muove le voglie politichesi è il POTERE d’ogni genere, quello positivo e quello negativo. Solo che questo secondo è inconfessabile…almeno fino al giorno dopo i risultati elettorali!

Altri articoli

Back to top button