Comunicati

Lotta contro il Bullismo e il Cyberbullismo nella scuola – incontro all’Istituto Comprensivo Palmieri – San Giovanni Bosco di San Severo

Nell’ambito del Progetto d’Istituto “Il bullo balla da solo” e nell’ottica di un sistema formativo integrato tra Scuola e Territorio, le classi seconde e terze della Scuola Secondaria di 1° grado “G.Palmieri”, sono state destinatarie di un incontro formativo sul tema “Prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo” e, più in particolare, sulla “Sicurezza informatica:Cyberbullismo e Cybersecurity”.

La tematica, trattata nel curricolo in maniera trasversale dai docenti di Cittadinanza e Costituzione, è stata approfondita attraverso l’intervento tenuto dal  relatore Dott. Ing. Gian Luca MARCIALIS, docente presso Università degli Studi di Cagliari – Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica (DIEE), nonchè genitore di un’ alunna del nostro stesso Istituto.

            La finalità dell’incontro,  di  favorire un uso più consapevole e responsabile della rete ed evitare  i rischi ad essa connessi, è stata pienamente raggiunta grazie alle competenze ed alla professionalità del Relatore che ha saputo catturare  l’attenzione e l’interesse dei ragazzi, i quali  hanno apprezzato i contenuti proposti, curati nella presentazione attraverso slidee filmati, e sono intervenuti con riflessionipersonali.

            La devianza da un uso lecito, corretto e responsabile delle TIC, pur inscrivendosi all’interno di un ben più vasto ed inquietante deficit di cittadinanza digitale, ha delle vittime e dei persecutori ben precisi, ovvero dei minorenni. Tanto i primi quanto i secondi hanno distinti bisogni di tutela e di correzione. Tuttavia, sino alla L. n. 71 del 2017 v’è stato un vero e proprio vuoto normativo in materia di cyberbullismo.

            Di fatto la legislazione viene dopo l’evoluzione serrata dei comportamenti umani, tuttavia,  si è adeguato il diritto alle pratiche umane solo a seguito di incresciosi e drammatici episodi di cronaca nera.

            Ciò che il Relatore ha voluto ribadire ai ragazzi presenti,avvalendosi di una modalità comunicativa veloce, chiara, dal lessico efficace e moderno, è che il cyber bullismo non è solamente una forma di bullismo compiuto «mediante la rete telematica». È qualcosa di più sottile, infido e pericoloso.  Proprio la strumentalità adoperata modifica sostanzialmente la pratica stessa del bullizzare, o della volontà atta a «imporre la propria personalità con atteggiamenti prevaricatori o di sopraffazione».

            L’esperienza si è caratterizzata come ottima opportunità di crescita per i nostri  alunni ed una valida testimonianza di collaborazione tra Scuola e Famiglia, agenzie entrambe preposte alla formazione e all’educazione delle nuove generazioni, senza possibilità di delega delle responsabilità proprie  di ciascuna.

                    Le Referenti d’Istituto                                                 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                Prof.ssa Anna Rita CUCCIProf.ssa  Francesca CHIECHI

Prof.ssa Teresa CARTANESE

Altri articoli

Back to top button