Comunicati

MARCO CAMPOREALE: “LA VERITÀ SUL CASO ARO E GLI …’STRANI’ RITARDI DELL’AMMINISTRAZIONE MIGLIO”

Ritengo necessario intervenire nella polemica sviluppatasi in questi giorni, e di cui le pagine dei giornali di Capitanata hanno dato conto, per tentare di chiarire le varie posizioni e ovviamente per difendere l’operato mio quale Presidente dell’ARO FG/4 e dell’Assemblea dei Sindaci che, per vari anni, ha lavorato per assolvere ai gravosi impegni che la gestione del ciclo dei rifiuti impone. All’intervento del collega MIGLIO ha già risposto l’avvocato GIANFRANCO SAVINO, Sindaco del Comune di San Severo all’epoca della nascita degli ARO e Presidente nei primi mesi di vita di tali organismi voluti dalla Regione Puglia con la Legge Regionale n. 24/2012. Intervengo per fare chiarezza e non per alimentare polemiche e discussioni che ritengo assolutamente inutili e sterili. Il Sindaco SAVINO avviò l’attività dell’ARO FG/4, ma come da lui dichiarato, nell’imminenza delle elezioni amministrative del 2014, ritenne con spirito di servizio e grande buonsenso, di dimettersi dall’incarico affinchè un’Amministrazione Comunale, nel pieno del proprio mandato, potesse portare avanti i complessi e lunghi procedimenti connessi alla gestione della raccolta dei RIFIUTI SOLIDI URBANI. L’Assemblea dei Sindaci elesse, all’unanimità, quindi senza alcuna posizione contraria o dissonante, il sottoscritto. In data 11.12.2013 venne sottoscritta, da tutti i rappresentanti delle Amministrazioni Comunali facenti parte dell’ARO FG/4, la Convenzione per la gestione di tale struttura sovra-comunale. Struttura che iniziò ben presto a funzionare ed a produrre numerosi atti essenziali al funzionamento della tecnostruttura. Resistenze e problemi operativi di varia natura si sono palesati da subito e c’è voluto l’impegno di tutta l’Assemblea per superarli. Devo purtroppo riconoscere che l’Amministrazione MIGLIO non ha brillato per tempestività nella produzione di atti di fondamentale importanza  (Regolamento di assimilazione e Carta dei servizi)  tanto da indurre il COMMISSARIO AD ACTA,nominato dalla Regione Puglia con DGR 1169/2014, ad approvare i predetti atti, attuando i poteri sostitutivi conferitigli dalla predetta Delibera di Giunta Regionale ed in particolare contenuti al punto 1) della Fase Provvedimentale, come da Decreto n. 1 del 09.02.2015, in nome e per conto del predetto Ente (COMUNE DI SAN SEVERO). Inoltre, la mancanza o l’incompletezza di molti dati che l’Amministrazione MIGLIO doveva fornire ai tecnici dell’ARO incaricati di predisporre il progetto ARO che costituirà la base fondamentale della gara di appalto ed i molti mesi passati ad aspettare che giungessero quelle informazioni, hanno prodotto il ritardo che tutti lamentano e che, spiace dirlo, l’attuale Sindaco di San Severo tenta oggi maldestramente di attribuire ad altri. Ovviamente su tutto quanto ho affermato sono disponibile a qualsiasi confronto pubblico.

MARCO CAMPOREALE

Presidente ARO e

Sindaco di Serracapriola

 

 

Altri articoli

Back to top button