ComunicatiPrima pagina

MATTEO LONGO, LA CANZONE E IL DIALETTO COME DIDATTICA E CULTURA

Matteo Longo incarna senz’altro una figura artistica molto complessa, che spazia dalla scrittura di canzoni all’azione didattica e culturale, con progetti individuali che sanno aprirsi e diventare corali, gettando le basi per evoluzioni e cambiamenti, non solo personali.

Sin da adolescente infatti suona e canta canzoni nelle scuole, per raccontare gli eventi attuali e storici ai più piccoli: accadimenti del Far West, dell’antica Roma, Grecia o Egitto. Inaugura così un uso didattico della canzone che ritroverà nel suo ruolo di docente anche col passare dei decenni.

Proseguendo nel percorso artistico,condividerà le sue canzoni con la band de “I gabbiani del Sud”, fondata dal fratello Fernando: storica formazione che ha segnato il panorama musicale del periodo.

Iscritto alla SIAE come paroliere, dall’altro lato si aprirà al ruolo di insegnante, che caratterizzerà la sua vita, ma senza mai staccarsi dalla canzone, riconoscendole valore culturale, letterario e scolastico.

Il 2009 sarà l’anno che segnerà la nascita de I Cantori di Civitate, formazione folk sanpaolese fondata da Fernando Longo, impegnata nella riproposta della tradizione dauna e pugliese, che vedrà arricchirsi il proprio repertorio con i brani di Matteo, aperto sempre più al dialetto: ricordiamo Around Puglia, la sua prima canzone in Lingua Madre, eseguita da I Cantori di Civitate.

Ai Cantori di Civitate si lega anche una promozione culturale che si svolge in Fattoria Rovello, ospitando scolaresche o raggiungendole sin dentro gli istituti scolastici, con spettacoli, iniziative e corsi diretti alla valorizzazione della cultura popolare, della civiltà contadina, della danza etnica e del canto in dialetto.

Tra le iniziative a cura de I CANTORI DI CIVITATE – APS: “CULTURA E BELLEZZE DEI COMUNI DELL’ENTROTERRA DELLA DAUNIA PUGLIESE”. LABORATORIO DI RICERCA DI ALCUNE REGOLE COMUNI PER LA TRASCRIZIONE DEI DIALETTI.

Il progetto, riconosciuto dalla Regione Puglia, vede impegnati in queste settimane associazioni, autori, cultori ed appassionati della scrittura dialettale, al fine di tracciarne delle regole comuni e certe di trascrizione, a favorirne la lettura, il tramandarsi e le possibilità didattiche, anche grazie alla creazione di un opuscolo. Si proseguirà nelle scuole con laboratori e ricerche su proverbi, motti e tradizioni, a cui seguiranno nella prossima estate sagre da realizzare con alcuni Comuni del nord Tavoliere.

Una ricerca di identità che fa da contraltare all’azione massificante della globalizzazione, e che vede finalmente un crescente appoggio da parte delle istituzione e delle scuole. Una visione aperta della canzone e della cultura popolare, senz’altro capace di arricchire la scena culturale ed artistica della nostra terra e di porre le basi per futuri sviluppi, dimostrando ancora una volta il valore degli artisti e degli autori locali per ogni terra.

Di seguito il testo di Around Puglia, brano di Matteo Longo eseguito da I Cantori di Civitate

Around Puglia – Matteo Longo

Sẹ vì nta Pùgljẹ settentrionèlẹ

Trúvẹ mèrẹ e muntàgnẹ: jè ù Garghènẹ!

Sẹ va chjù dìntẹ e sópẹ pa víjẹ,

va truvà púrẹ a Padre Píjẹ!

Mòntẹ, Vièstẹ, Manfredònjẹ e Prùcínẹ:

Prétẹ, prẹjérẹ e foréstẹ dẹ pínẹ!

E sẹ tẹ fìrmẹ ovùnquẹ a magnà,

trúvẹ sèmpẹ varietà e bontà!

Sẹ vì nta Pùgljẹ vídẹ coltúrẹ:

vítẹ, rènẹ e vulívẹ!

Bóna cultúrẹ e bónẹ prodòttẹ!

Gẹrànnẹ a Pugljẹ, magnẹ e vívẹ!

2. Jènnẹ chjù bbascẹ ntò Tavoliérẹ,

prímẹ dẹ Fòggẹ San Pavẹlẹ e San Zẹvérẹ!

Nc’íma scurdà da vècchia Cẹvẹtètẹ,

c’ha ospitètẹ Japígẹ e Romènẹ!

Sèrrẹ, San Pavẹlẹ, Tormaggiórẹ e San

Zẹvérẹ:

Pènẹ, ogghjẹ e vínẹ, jè fèstẹ ogni sérẹ

3.Scẹnnènnẹ scẹnnènnẹ vèrsẹ a kjanùrẹ

vẹrzùrẹ dẹ rènẹ, frùttẹ e vẹrdùrẹ!

E sẹ tẹ mbarkẹ vèrsẹ lù mèrẹ,

Sèiẹ, vònghẹlẹ e péscẹ mìttẹ a panèrẹ!

Trènẹ, Andrẹj, Kanósẹ e Barlèttẹ:

Storẹj, folklórẹ, rẹcchjẹtèllẹ e strascẹnètẹ

4. Jènnẹ a Bèrẹ, pòrtẹ d’Orièntẹ,

Là certamèntẹ nẹn tẹ mankẹ nèntẹ!

Santẹ Nẹcólẹ, ca jè bónẹ e chèrẹ,

Bẹnẹdicẹ kì magnẹ ì frùttẹ dẹ mèrẹ!

Castellènẹ, Putignènẹ, Alberobèllẹ e Fasènẹ,

Ròttẹ, karnuwèlẹ, ambièntẹ e safèrẹ.

5. Passànnẹ a tèrrẹ du sòlẹ: U Salèntẹ,

Primìzẹj gnì dòvẹ e mèrẹ d’argentẹ

Gẹrànnẹ nkùntrẹ a kjù bella città:

Gallìpẹlẹ, po’ Ugèntẹ, a Leuca a rruà

Tàrẹntẹ, Brìndẹsẹ, Léccẹ e Cellínẹ:

Kòzzẹ, chẹl.nnẹ, Baròcchẹ e cantinẹ.

Altri articoli

Back to top button