ComunicatiPrima pagina

MICHELE AGOSTINETTO, UN VIAGGIO DA SCLERO: “SAN SEVERO, GRAZIE PER L’ACCOGLIENZA RICEVUTA”

Il camminatore con Sclerosi Multipla, partito da Valdobbiadene e diretto a Santa Maria di Leuca, ha fatto tappa nella città francigena dove è stato testimonial in un seminario scientifico divulgativo sulla sua malattia

Si può fare! Esclama Gene Wilder in “Frankenstein Junior”, cult movie del regista americano Mel Brooks. Nel tempo, la battuta è divenuta un celebre aforisma per indicare qualcosa di impossibile che al contrario si realizza.  Michele Agostinetto di Un viaggio da sclero ha dimostrato che la forza di volontà può davvero muovere mari e monti. Anche per un camminatore con la Sclerosi Multipla come lui.

Partito da Valdobbiadene, in Veneto, Michele ha percorso circa 1.500 chilometri a piedi. Arrivando a San Severo, in Puglia, mercoledì 20 luglio. Il giorno successivo, è stato ospite e testimonial di “Un viaggio da sclero | Sulla Via Francigena San Severo”, evento organizzato da: Per Aspera ad Astra ETS – Associazione CulturaleComitato Culturale OdV Vie Francigene San SeveroEnopolio Daunio | HUB Polifunzionale Culturale e ANG inRadio Eta Beta San Severo.

“Al mio arrivo in città sono stato accolto da una gruppo di persone di Autismosansevero, con palloncini colorati, applausi e un bellissimo cartellone con impresse le orme dei ragazzi con autismo. Un modo simbolico per dirmi che anche loro avevano camminato assieme a me – dice Michele Agostinetto, che continua – lungo tutto il mio cammino sono stato accolto e sostenuto da tantissime persone. Grazie a Fabiola e Francesco Ventricelli a San Severo ho però avuto il privilegio di essere testimonial di un seminario scientifico divulgativo, dedicato alla Sclerosi Multipla”.

“Comunicare la Sclerosi Multipla attraverso un cammino” è stato l’evento clou di “Un viaggio da sclero | Sulla Via Francigena San Severo”. Il seminario è stato organizzato in collaborazione con Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI) – Sezione Puglia. “Con i colleghi abbiamo affrontato il tema della Sclerosi Multipla sotto diversi aspetti, per dare un quadro il quanto più completo possibile dello stato dell’arte della malattia. Di cos’è e di come si può, oggigiorno, affrontare”, spiega il dr. Angelo Michele Carella, responsabile scientifico del seminario e presidente regionale ADI Puglia.

Il seminario è stato aperto dai saluti alla platea del dr. Massimo Selmi, presidente Sezione Territoriale Provinciale AISM Foggia. Tanti gli argomenti trattati. Si è parlato del futuro migliore che si prospetta per i malati, con l’intervento della neurologa Paola Crociani. Del livello raggiunto dalla ricerca in materia, con il biologo Massimo Carella.  La fisioterapista e osteopata Anita Di Maggio ha relazionato sul rapporto tra osteopatia e Sclerosi Multipla; il fisioterapista Raffaele Tafanelli sulla terapia riabilitativa. Angelo Michele Carella ha parlato delle criticità nutrizionali  nella Sclerosi Multipla. Si è affrontato anche il concetto di terapia del dolore con il medico chirurgo Antonio Carrideo. Lo psicologo e psicoterapeuta Paolo D’Antuono ha spiegato l’importanza dell’approccio psicologico alla malattia. A concludere gli interventi scientifici l’infermiera Carla Lara d’Errico, che ha evidenziato l’importanza della presa in carico di un paziente.

Oltre agli aspetti scientifici, è stato anche affrontato il tema della corretta informazione che i media devono dare quando si parla di disabilità. Il giornalista e sociologo dinamico, Giorgio Ventricelli, ha ricordato che il dovere di informare passa attraverso un’attenta analisi del testo e la ricerca di fonti attendibili e verificabili.

A chiudere il seminario don Salvatore Ricci, parroco della Parrocchia Madonna della Divina Provvidenza che ha ospitato il seminario nella sua Sala Conferenze. Da vent’anni, il sacerdote ha la Sclerosi Multipla. Ha raccontato ai presenti il suo viaggio a piedi a Santiago de Compostela.

La serata è proseguita con la festa del camminatore, animata dal cantautore sanseverese Ilario de Angelis che ha presentato il suo ultimo singolo “Se avessi tempo e poesie”, con degustazione di prodotti enogastronomici di alta qualità, a cura dell’azienda Altapulia.

Al seminario non hanno fatto mancare il proprio sostegno importanti rappresentanti istituzionali e professionisti del mondo del giornalismo. Con un videomessaggio, hanno portato i propri saluti a Michele e agli organizzatori: gli europarlamentari Raffaele Fitto e Mario Furore; la parlamentare Rosa Menga della  Camera dei Deputati; il presidente di Associazione Europea Vie Francigene, Massimo Tedeschi; la giornalista RAI esperta nel mondo della disabilità, Paola Severini Melograni. Presente all’evento Rosa Barone, assessora al Welfare della Regione Puglia.

“Ho conosciuto virtualmente Michele su un gruppo Facebook di Via Francigena, dove aveva lanciato la sua idea, divenuta poi il progetto “Un viaggio da sclero”. La mia associazione si occupa anche di progetti legati al sociale, oltreché di accoglienza dei camminatori della Via Francigena. Ho contattato Michele privatamente perché la sua idea mi è piaciuta subito. Da lì, ho supportato tutta la fase organizzativa, soprattutto quella logistica in Capitanata. Da Celle di San Vito a Monte Sant’Angelo, abbiamo aiutato Michele a trovare accoglienza”, dichiara Fabiola Ventricelli, presidente di Per Aspera ad Astra ETS – Associazione Culturale.

“Il Comitato ha aiutato l’Associazione nel disbrigo di tutte le pratiche per la richiesta di patrocinio. Siamo orgogliosi di quanto ottenuto. Il riconoscimento da parte del Parlamento Europeo e del Ministero per le disabilità è significativo della qualità dell’offerta proposta. La sinergia con ADI Puglia è stata fantastica. Stiamo già lavorando per realizzare un nuovo seminario scientifico divulgativo prima di Natale, che abbia sempre la Via Francigena come fil rouge”, dice Francesco Ventricelli, presidente Comitato Culturale OdV Vie Francigene San Severo.

Dopo la tappa francigena di San Severo, come da programma, Michele Agostinetto ha percorso la via Micaelica assieme alla presidente di Per Aspera ad Astra ETS – Associazione Culturale, Fabiola Ventricelli. Assieme, hanno raggiunto: Convento Santa Maria di Stignano (MSA03), San Giovanni Rotondo (MSA04) e Monte Sant’Angelo (MSA05). Proseguendo poi fino a Manfredonia, ultima tappa di Michele in Capitanata.

Un viaggio da sclero | Sulla Via Francigena San Severo ha ottenuto l‘alto patrocinio del Parlamento Europeo grazie all’interessamento dell’europarlamentare Raffaele Fitto. Inoltre,  hanno riconosciuto il loro patrocinio: Ministero per le disabilità, Agenzia Nazionale per i Giovani, Regione Puglia, Consiglio Regionale della Puglia, Provincia di Foggia, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Associazione Europea delle Vie Francigene, Diocesi di San Severo, ADI Puglia, Movimento Italiano Disabili, Autismosansevero, ANPIS Puglia, ASPNAT, CRD Storia Capitanata, Lions Club San Severo, Rotary Club San Severo, Archeoclub di San Severo.

UN VIAGGIO DA SCLERO

Dott. Giorgio Ventricelli

Altri articoli

Back to top button