ComunicatiPrima pagina

MUSICA – Questa nostra città (A Sanzëvirë) scritto e prodotto da Mario Mucedola lancia il progetto A.L.O.S.S.

video
Continua a sorprendere il mondo artistico di San Severo, dove all’ombra dei campanili nascono idee e progetti sempre nuovi, come “Questa nostra città (A Sanzëvirë)”, targato A.L.O.S.S., acronimo degli Artisti Locali Orecchiabili di San Severo, dall’8 maggio disponibile su YouTube e Spotify.
Fortemente voluto dal cantautore Mario Mucedola, che ha contribuito a realizzare anche agli arrangiamenti, il singolo è interpretato da Matteo Marolla e dalla voce femminile di Marianna Pettolino, e prodotto presso L’ED Records di Edgardo Caputo.
Andante e solare, la canzone propone riflessioni sulla cittadina sanseverese, guardandola dall’alto e descrivendone vizi e virtù, con affetto ma senza sconti.
Un esperimento in cui il dialetto, seppur con i suoi accenti, le sue asprezze e le sue curve mediterranee, fa i conti con un sound a cavallo tra pop e country, nella volontà di aprire
la “lingua locale” a sonorità internazionali, nel pieno spirito della World Music – a caratterizzare i brani a venire del progetto A.L.O.S.S., che vogliono coinvolgere diversi artisti della città, sempre intorno al dialetto.
Fondamentale per questa canzone il ruolo di Matteo Marolla, a cui ho subito pensato quando l’ho scritta. Senza la sua disponibilità non avrei proseguito: personalmente lo ritengo la voce
di San Severo, l’artista che più di tutti ha cantato la cultura folk dauna. Ideale l’accostamento con Marianna Pettolino, di cui la forza e la trama vocale mi hanno subito conquistato” continua Mario Mucedola.
Un progetto che nasce a ridosso della Festa del Soccorso di due anni fa, purtroppo sospesa per esigenze sanitarie, momento tipicamente di forte coesione sociale che però non fa scuola, lasciando subito spazio al proverbiale individualismo dei sanseveresi, che se riuscissero a sviluppare una cultura dell’incontro e dell’unione determinerebbero senz’altro una crescita esponenziale della cittadina in tutti i suoi aspetti.
Un grido di dolore “Questa nostra città (A Sanzëvirë)” e insieme di speranza, che indica la via della riconciliazione e del fare comunità fino in fondo per rinascere, puntando sulla Lingua Madre, linguaggio ancestrale che sa raccontare la vita come pochi, scivolando tra le pieghe della povertà, della fragilità, di vite difficili da sempre emarginate, che ritrovano in essa un ventre capace di accoglierli e testimoniarli in modo autentico ed umano: la casa comune, dove ci sentiamo “uno” pur essendo “tanti” e “ovunque”.
“Questa nostra città (A Sanzëvirë)”è on line con il videoclip realizzato dalla videomaker e fotografa Eugenia Fraublücher Biccari. Una produzione girata tra l’autunno e l’inverno, ed ultimata in questi ultimi giorni, in cui si alternano immagini in studio di registrazione ad altre di scorci cittadini, in un ottica realista, lontana dalla facile retorica e da visioni oleografiche, in cui si bilanciando le luci e le ombre della cittadina, favorendo attenzione per la canzone.
Una produzione che parla della città e alla città, in cui non ci si stanca di credere e combattere per essa, come ogni figlio farebbe per la propria madre.
Il singolo non sarà in vendita ma si potrà ascoltare su YouTube e su Spotify.
Verranno inoltre distribuite delle cartoline in alcuni punti della città, che sul retro mostreranno un codice digitale utile per ascoltare il brano on line, nel rispetto del connubio tradizione e innovazione.
Mario Mucedola, Matteo Marolla e Marianna Pettolino sono artisti presenti nei volumi
della Piccola Antologia Dauna.
Di seguito il video e il testo del brano
https://youtu.be/gYBu1qXLYbw
Questa nostra città (A Sanzëvirë)
E c stev na storj ca n m rcord com fa
E c stev na stred ca je bella long, è long assà
E c sta nu surris sop a sta terr, vuliv e v’tign
Ma n’g’sta na sp’ranz p tutt quill ca c’so figghje
C’è stet nu temp ca c stev bon, tant ann fa
Mò rrangem o c’n’jem fujenn da questa nostra città.
Na Madonn c spij da sop, e c vuless affucà
Na zuppett t’aspett a Natel e ch fa, n’ta vu magnà?
Quanta vot c chiudn l’occhj e cusì u shkif nu vdim
E pur stu sabbt c sim fatt chin chin
Fors u ben a sti quatt criatur nisciun l’ha mbaret
Dicciacill au mastr toj ca pur jogg ta ‘ntusschet
A Sanzvir ogni matin c sta na nuvtà
Natu crstien a pigghjà a colp di cos ca n voj fa
Nu mod p rrvà a staser senza putè fatijà
U sacc ca a scarogn è ner, però c po’ cagnà.
A Sanzvir pur u pen s tu tu vu magnà
La vummacà mezjurn e ser pcché jè amèr assà
E s fuss stèt n’amor, c fussm lasset
Però tu u sa, dop nu poc ji fuss semb turnet
Pu c sta chi c mett a brvogn a dic andò je net
Tutt quand so dritt e pu vann chiagnenn s venn sgamet
Tutt quand ca sap’n ndo sper a prossma battarij
Ma s spar’n a vun, r’curd’t: fatt i fatta tij
A famigl nta crisc s pu n’cia fa a pparicchià
Ma i dnocchj scurcet p sop i chianchett fann mel assà.
A Sanzvir ogni matin c sta na nuvtà
Natu crstien a pigghjà a colp di cos ca n voj fa
Nu mod p rrvà a staser senza putè fatijà
U sacc ca a scarogn è ner, però c po’ cagnà.
A Sanzvir pur u pen s tu tu vu magnà
La vummacà mezjurn e ser pcché jè amer assà
E s fuss stèt n’amor, c fussm lasset
Però tu u sa, dop nu poc ji fuss semb turnet
E n’m pigghjann p fess s m cagn a cart d’identità
S putess mness cchiù spiss però su facess, rumaness qua
A Sanzvir ogni matin c sta na nuvtà
Natu crstien a pigghjà a colp di cos ca n voj fa
Nu mod p rrvà a staser senza putè fatijà
U sacc ca a scarogn è ner, però c po’ cagnà.
A Sanzvir pur u pen s tu tu vu magnà
La vummacà mezjurn e ser pcché jè amer assà
E s fuss stèeeet n’amor, c fussm lasset
Però tu u sa, dop nu poc ji fuss semb turnet
Mario Mucedola

Altri articoli

Back to top button