ComunicatiPrima pagina

Nei comuni è sempre più necessaria la presenza del Garante per i diritti delle persone con disabilità

 È fondamentale istituire in ogni comune la figura del Garante per i diritti delle persone con disabilità”

La richiesta, rivolta ai Sindaci tutti ed ai consiglieri comunali della Puglia da parte dal prof.  Raffaele Bentivoglio, responsabile nazionale area welfare del Movimento Italiano Disabili che sollecita le amministrazioni comunali tutte ad attivarsi per istituire la figura del “Garante delle persone con disabilità”. “È doveroso dotare le città e anche i piccoli comuni, di tale figura – spiega il rappresentante del MID Raffaele Bentivoglio -, che ha il compito di vigilare sull’applicazione delle norme volte al superamento delle barriere architettoniche, alla tutela dei diritti civili e all’inclusione lavorativa e sociale delle persone disabili”. Scopo dell’iniziativa è favorire fattivamente l’abbattimento di tutti gli ostacoli, siano essi architettonici o socio-culturali, che si frappongono al riconoscimento di pari dignità e opportunità, sostenendo le politiche di integrazione sociale e il miglioramento dell’autonomia personale. “L’istituzione del garante delle persone con disabilità – prosegue l’esponente del Mid, Bentivoglio -, non comporterebbe oneri per il bilancio comunale, se non per quanto concerne le minute spese di gestione consistenti nell’utilizzo di un locale presso la sede comunale e di un minimo di attrezzatura informatica e di cancelleria, visto che il garante esercita la propria attività a titolo gratuito”. Secondo l’esponente del Movimento disabili, infatti, le funzioni del garante vengono esercitate per ottemperare a quanto previsto dalla normativa specifica inerente i diritti delle persone con disabilità. La figura del garante quindi, opera in piena autonomia politica ed amministrativa sui problemi legati alla disabilità allo scopo di rimuovere tutti gli ostacoli sociali e culturali ed al fine di dare pari dignità e opportunità alle persone con disabilità, favorendo le politiche di integrazione sociale ed il miglioramento dell’autonomia personale. “L’istituzione del garante – conclude l’esponente Mid –, faciliterà la collaborazione tra enti migliorando i rapporti tra le amministrazioni pubbliche, il cittadino disabile ed i relativi servizi erogati”.

Altri articoli

Back to top button