CronacaIn evidenza

OPERAZIONI ANTIDROGA DEI CARABINIERI: DUE ARRESTI ED OLTRE 200 KG DI MARIJUANA SEQUESTRATA.

Continua senza sosta l’attività di prevenzione e contrasto alla criminalità svolta dai Carabinieri della Comando Provinciale di Foggia.
In particolare, i Carabinieri della Compagnia di Foggia, nell’ambito di una più ampia azione di contrasto al traffico di armi e droga coordinata dal Comando Provinciale di Foggia, hanno inferto un nuovo duro colpo al narcotraffico. Questa specifica attività criminale, sempre in continua evoluzione, è caratterizzata da una fiorente attività di spaccio al dettaglio, anche a causa dell’elevata richiesta di stupefacente da parte degli assuntori, purtroppo sempre più giovani.
Specificatamente:
− sabato 24 settembre u.s. i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Foggia coadiuvati dallo Squadrone Eliportato Cacciatori “Puglia”, hanno proceduto all’arrestato in flagranza del reato di coltivazione illecita di sostanze stupefacenti un 38enne, commerciante abusivo originario di Lucera (FG). In particolare, nella tarda serata, i militari sorprendevano l’uomo di 38 anni in località Salice di Foggia, mentre coltivava una piantagione di canapa indica costituita da 39 piante di altezza compresa tra un metro e due metri circa, alimentato da un sistema di irrigazione collegato a cisterna su rimorchio. A seguito della successiva perquisizione domiciliare, all’interno di una roulotte, l’uomo veniva trovato in possesso anche di alcuni grammi di hashish e cocaina. Lo stupefacente è stato sequestrato e sottoposto ad analisi presso il Laboratorio Analisi del Comando Provinciale di Foggia e il ricavo stimato in circa 8000 dosi medie singole. Per il 38enne sono scattati gli arresti domiciliari su disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica di Foggia.

– sempre a Foggia, alle prime luci dell’alba di martedì 27 settembre u.s., grazie ad un prolungato servizio di osservazione notturno svolto dai militari dello Squadrone Cacciatori “Puglia”, i militari dell’Arma sono riusciti ad individuare una piantagione occultata abilmente. Nel corso del blitz, i carabinieri hanno sorpreso un uomo di 53 anni, originario del luogo, mentre coltivava una piantagione costituita da 11 piante di marijuana, di altezza superiore ai due metri, complete di infiorescenze. Queste ultime, del peso complessivo di oltre 100 kg circa, se immesse sul mercato illegale, avrebbero fruttato diverse decine di migliaia di euro.
Le piante, lo stupefacente e tutti i materiali utili rinvenuti sono stati sequestrati. La sostanza stupefacente è stata sottoposta ad analisi tossicologica, mentre il 53enne – su disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica di Foggia – è stato sottoposto agli arresti domiciliari, con la contestazione preliminare di produzione, coltivazione e detenzione illecita di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.
Tale ennesima operazione testimonia il costante ed incisivo impegno della Magistratura di Foggia e dell’Arma dei Carabinieri nel contrasto delle attività delittuose del Circondario, tra cui anche il fiorente business il narcotraffico, a tutela dei cittadini del territorio e delle relative Comunità.
I procedimenti in riferimento si trovano nella fase delle indagini preliminari. Al momento, carico degli arrestati, il Pubblico Ministero competente ha ritenuto la sussistenza di un quadro indiziario grave relativo alla commissione dei summenzionati reati, tale da ritenere necessaria l’applicazione della misura cautelare da parte della relativa A.G. giudicante di Foggia. Tuttavia, va precisato che gli indagati non possono essere considerati colpevoli fino alla sentenza di condanna definitiva.

Altri articoli

Back to top button