Prima pagina

Ore notturne e indici di gradimento, la nuova ricerca per contrastare il GAP

C’è una nuova interessante ricerca a illuminare una nuova zona d’ombra del gioco patologico. La firma è della Future Anthem e di Gamesys, per uno studio rilasciato durante il Safer Gambling Week, che è andata di scena lo scorso novembre 2021, con l’obiettivo di rendere sempre più sviluppo il gioco d’azzardo inglese e irlandese.

La ricerca si è poggiata su alcuni modelli di apprendimenti chiamati Safer Pay e creati appositamente da Anthem. Questi sono stati applicati a oltre 35 milioni di sessioni di gioco, mentre la loro lente d’ingrandimento scandagliava e ricercava i comportamenti patologici, identificando gli indici di modalità di gioco potenzialmente a rischio. Il tutto è stato possibile grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, capace di valutare più di 80 metriche in un decimo di secondo. A essere analizzate in maniera dettagliata sono state le slot machine online con soldi veri, proprio per ricercare un legame tra il rischio del giocatore e la volatilità delle slot, senza però trovare una particolare correlazione.

Siamo lieti di aver intrapreso una ricerca in un’area così importante – ha spiegato Chris Conroy, Chief Data Officer della Future Anthem – Gli aspetti dei giochi, dei giocatori, dei comportamenti e della protezione sono spesso mitizzati. Abbiamo implementato modelli di apprendimento automatico completi con quantità significative di dati sul gameplay per far luce su una parte del puzzle. Non vediamo l’ora di intraprendere ulteriori ricerche sui giochi e sulla progettazione dei giochi per identificare come gli operatori e gli studi di gioco d’azzardo possono fornire un’esperienza di gioco divertente e sostenibile”.

Una grande attenzione è stata poi dedicata alle ore di gioco, con focus su quello notturno che riporta un rischio più alto del 36% di sviluppare comportamenti patologici. La ricerca, infine, ha introdotto una metrica chiamata “game popularity”: il suo obiettivo è quello di misurare la popolarità di un gioco proprio per capire in che modo possa agire sul comportamento dell’utente. “Come parte del nostro costante impegno per l’esperienza dei giocatori, siamo orgogliosi di far parte di una ricerca che aiuta meglio il settore del gioco d’azzardo a comprendere il legame tra i marcatori di danno e l’esperienza di gioco”. Questo il parere di Kevin Clegg, Direttore della sostenibilità presso Gamesys , che continua: “Ci sforziamo sempre di creare e gestire giochi che siano più adatti ai nostri giocatori, con rigorose politiche di selezione: questa ricerca è un’altra pietra miliare del nostro viaggio”.

Altri articoli

Back to top button