Prima pagina

Ospedale: in piazza per la manifestazione…con il fine di sensibilizzare!

di Michele Sales ed Elisabetta Ciavarella

“Ostetricia e Ginecologia” del Masselli-Mascia non chiuderanno.”

“L’annunciata chiusura del reparto di Ginecologia ed Ostetricia dell’Ospedale ‘Masselli-Mascia’ di San Severo, ha creato un profondo allarme nella popolazione. Per decisione unilaterale del DG ASL Vito PIAZZOLLA quel reparto sarà accorpato all’Ospedale di Cerignola ed il personale trasferito, senza alcun preavviso e con motivazioni strumentali. Non è la prima volta che la funzionalità del presidio ospedaliero viene pesantemente compromessa da decisioni meramente ragionieristiche della dirigenza, con il consueto spregio del DIRITTO ALLA SALUTE di un vasto bacino di utenza che dall’Alto Tavoliere si estende ai Monti Dauni ed al Gargano Nord”, sono le parole di amarezza e disappunto che venivano espresse nel manifesto CGL che invitava i cittadini ad opporsi a tale ingiusta decisione.

“Il reparto di Ginecologia ed Ostetricia non deve chiudere: non possono togliere il punto nascita poiché ci priverebbero della nostra identità”, è stato il monito di alcuni giorni fa di Enrico PENNACCHIO, Vicepresidente del Consiglio Comunale di San Severo e Presidente del Movimento Uniti per San Severo.
Ne era seguito un incontro in presenza tra il Sindaco, Francesco MIGLIO e gli Operatori Sanitari del reparto per discutere sulla spinosa e gravosa problematica, anche insieme a Michele EMILIANO, Rocco PALESE e Vito PIAZZOLLA in modalità online.
Di tale questione se ne stava occupando, in aggiunta, il Consigliere Regionale Antonio TUTOLO.

Lunedì 4 aprile, con inizio alle ore 18,30 si è tenuta una manifestazione di protesta organizzata in Piazza Allegato, per rimarcare il principio che il “diritto alla Salute (art. 32 della Costituzione), deve essere una priorità ‘senza se e senza ma’, tanto per chi amministra il servizio sanitario locale che per la politica regionale che ne dovrebbe valutare i comportamenti e l’efficienza gestionale e programmatica”, come ribadivano la Cdl CGIL e le Lavoratrici ed i Lavoratori della FP CGIL.

Eppure non era presente un gran numero di manifestanti, poco più di un centinaio, considerato il tema caro alla popolazione di San Severo, sicuramente molto ha influito  la nota di chiarimento dell’ASL FG diramata questo pomeriggio.

“Ogni notizia al riguardo è assolutamente falsa e strumentale”
“La ASL Foggia non ha e non ha mai avuto alcuna intenzione di chiudere la Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia né alcun altro reparto del Presidio Ospedaliero di San Severo. Ogni notizia al riguardo è assolutamente falsa e strumentale”, è stata la pronta smentita del Direttore Generale Vito PIAZZOLLA, atta a rassicurare la comunità di San Severo.

La manifestazione è continuata con il fine di ‘sensibilizzare’ e mantenere alta la guardia sulle questioni sanitarie per il bene della collettività.

Altri articoli

Back to top button