ComunicatiIn evidenza

Parco Baden Powell va riqualificato e vanno puniti coloro che lo vandalizzano.

Sarebbe utile realizzare un anfiteatro per spettacoli all’aperto.

Malgrado l’impegno che l’Amministrazione sta profondendo per effettuare la manutenzione ordinaria del verde pubblico, ci sono dei casi, come quello delle palme colpite dal punteruolo rosso e di parco “Baden Powell”, che lasciano a desiderare. A ciò, contribuisce in modo evidente, l’incuria di certi sanseveresi che lo vandalizzano. È evidente che non può essere chiamato “parco” un’area verde ridotta in quelle condizioni: erbacce infestanti che andrebbero rimosse di frequente; pochi alberi; cestini stracolmi di rifiuti; cani che non sono tenuti al guinzaglio. Tutti i sanseveresi dovrebbero aver maggior cura del verde e delle strutture pubbliche. Parco Baden Powell non è un’area destinata allo sgambamento degli “amici a quattro zampe”, soprattutto per quei proprietari che lasciano i cani liberi, senza museruola e senza raccogliere le deiezioni dell’animale: ci sono tante persone che lo usano per correre, fare attività fisica e molti bambini che giocano. A questo degrado, si aggiunge la vandalizzazione dell’opera scultorea in “Pietra di Apricena” Stadtsilhouette, progettata dall’architetto Max Dudler, già esposta all’edizione del “Marmomacc” alla Fiera di Verona e posta nei pressi di quello che dovrebbe essere il futuro ingresso al parco. Inaugurata in “pompa magna” a maggio del 2019 è diventata la lavagna su cui è stato scritto di tutto e che viene ripulita sistematicamente. La vandalizzazione delle nuove giostrine per bimbi diversamente abili e tanto altro, come gli arredi in pietra (come si fa a ribaltare una lastra pesante di Pietra di Apricena?) L’area va davvero rivalutata e si potrebbe realizzare un anfiteatro per spettacoli all’aperto, visto che a San Severo manca una struttura del genere. Una struttura che sarebbe utile e necessaria. Sarebbe opportuno far funzionare il servizio di video sorveglianza per provare a “riprendere” il vandalo di turno. Nell’area, inoltre, c’è anche la struttura privata con campi da tennis e padel che arricchisce senz’altro il parco. Il “Parco urbano di San Severo”, inizialmente denominato “Piastra Verde” (alle spalle del nuovo Comune, tra le vie Gentile, Guareschi e Martiri di Cefalonia, ai sensi della delibera di C.C. n° 35 del 03.04.2006), ora “Parco-Baden Powell”. La prima fase è partita nel 2008 grazie ad una “squadra” competente e dal “pollice verde”, così composta: Alessio Scarale, (architetto) capogruppo; Gianfranco La Torre (agronomo), progettista; Silvestro Regina (artista), progettista; Michele Valerio (paesaggista), progettista. L’area che era ridotta a una discarica abusiva di materiali edili e terre di scavo, è stata bonificata. Ci sono giochi per bambini e attrezzature sportive, ormai distrutte.

RUBINO20x20_postpubblicitario-02

Altri articoli

Back to top button