ComunicatiPrima pagina

Pelù spacca a Vieste alla rassegna “Il libro possibile edizione 2021”

Di Elisabetta e Carolina Leone

Grande attesa e fermento nella stupenda località del Gargano, Vieste per il primo dei vari incontri de Il libro possibile edizione 2021 che ha visto come primo grande ospite Piero Pelù il rocker, l’attivista, il brado, Piero Pelù il cantante, “el Diablo” il gigante. Come location lo stupendo anfiteatro di Marina Piccola, argomento principale l’uscita del suo nuovo libro romanzo Spacca l’infinito che lo vede per la prima volta coi riflettori spenti e giù dal palco.E’ lui stesso ad aprirsi al pubblico e a spiegare come è nata l’idea e probabilmente anche l necessità di scrivere questo libro.
Con versioni inedite di racconti familiari di cui lui stesso non ne era a conoscenza e che durante il mero è sconcertante lockdown ha scoperto perché più vicino ai suoi familiari. In presenza anche della moglie Gianna Fratta, originaria di Foggia e direttrice d’orchestra, ha raccontato aneddoti della sua vita e ha ribadito il suo impegno per la salvaguardia dell’ambiente, e il suo irrefrenabile bisogno di abbandonarsi alle passioni e ai principi che poi ha trasmesso alle figlie.
Sì, perché in questo libro Pelu’ scende dal palco, spegne i riflettori e ci invita a viaggiare insieme a lui, con il coraggio di aprire la porta della memoria e di avventurarsi fino a dove tutto ha avuto inizio. E appena si ferma per un momento a riposare, ecco che accanto a lui appare un ragazzino intraprendente, originale, pieno di domande. Seguendo il dialogo tra l’uomo e il bambino attraversiamo la storia italiana – dalle trincee della prima guerra mondiale agli anni del fascismo, da quelli della Guerra fredda fino al disorientamento dei nostri giorni. Ma soprattutto, questo libro ci racconta una vita vissuta al fianco di una delle innamorate più esigenti: la dea musica, che va amata e alimentata ogni giorno, perché la routine è la sua peggiore nemica. E perché la musica, come l’amore, è uno dei modi più strepitosi per cambiare il mondo. Al bambino che è stato confessa: “Se mi fossi dimenticato di te non sarei stato felice nemmeno un minuto”. Così “Spacca l’infinito” non è solo il verso di una canzone, ma anche l’invito a non perdere lo stupore e la fiducia verso la vita sopratutto in tempi bui come questi
L’artista ha poi incontrato durante il copia firme presso il Cineteatro Adriatico mentre per tutta l’estate sarà in tour in tutta Italia con la sua grinta di sempre per poter riabbracciare di nuovo il suo pubblico.

RUBINO20x20_postpubblicitario-02

Altri articoli

Back to top button