Sport

Pierluigi Losito e la sua vittoria al Campionato di Rimini aprile 2017

Una passione a prova di età

“Un sogno che si avvera”, così commenta la sua vittoria alla selezione, tenutasi a Perugia il 29 aprile scorso, qualificandosi per il Campionato Italiano Wellness di Rimini. Si tratta di Pierluigi Losito di Torremaggiore, in provincia di Fg, primo posto under 21. Una vittoria tanto agognata quanto inaspettata per questo diciassettenne, classe 2000. Mosso da una grandissima passione per il culturismo e, grazie al supporto ed alla guida del suo preparatore Enzo Nardino, allenandosi presso la palestra Fitness Body Education, sita in San Severo (Fg), è stato premiato al meglio.
“Pierluigi, quando e come hai iniziato ad avvicinarti a tale sport?”.
“Fu proprio tramite mio fratello Michele che aveva degli attrezzi in garage, che decisi di provare per gioco, ma fu per me un amore a primo colpo, tanto che li utilizzavo dalle cinque alle sei ore al giorno. Avevo 14 anni e lui 25”.
“Quante ore al giorno dedichi all’allenamento?”.
“Vi dedico di solito 30-45 minuti tre volte alla settimana. Sotto gara invece, tre giorni di allenamento con i pesi e due di cardio”.
“Cosa ti costa più fatica?”.
“In verità nulla, perché faccio tutto sempre con passione”.
“Quanta attenzione poni all’alimentazione e quali sono gli alimenti che devi prediligere per mantenerti in forma e quali invece sacrificare?”.
“Presto molta attenzione all’alimentazione prediligendo cibi come riso basmati, pasta integrale, gallette di avena, pane con segale, petto di pollo, albume, carne rosa due volte a settimana, tacchino, verdura e frutta. Gli alimenti invece da sacrificare sono di certo dolci, insaccati, pizza ecc.”.
“Quali integratori utilizzi o non ne utilizzi nessuno?”.
Gli integratori sono importanti solo se accompagnati da una buona alimentazione. Da soli non fanno miracoli. Uso quelli più importanti, come aminoacidi ramificati, vitamina c e multivitaminici, glutammina, proteine isolate e creatina”.
“Chi ti senti di ringraziare perché ti è stato maggiormente vicino o ti ha spronato?”.
“Il mio preparatore, Enzo Nardino. Direi infatti, che oltre ad essere una figura importantissima, è rilevante che ci sia fiducia tra l’atleta ed il proprio preparatore per poter andare avanti bene”.
“Cosa consiglieresti a chi intende avvicinarsi al culturismo?”.
“Consiglio di prendere il culturismo in maniera non esagerata, senza trascurare i veri valori della vita, ovvero stare insieme alla propria famiglia ecc… soprattutto di stare con i piedi per terra e non credersi di essere qualcuno solo perché si hanno quattro muscoli addosso”.
“Cosa vedi o speri nel tuo futuro?”.
“Spero di diventare un ottimo atleta, percorrendo la stessa strada del mio preparatore Enzo Nardino e, perché no, diventare anche un personal trainer!”.

Elisabetta Ciavarella

Altri articoli

Back to top button