ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

POLIZIOTTI AGGREDITI DA MIGRANTI: “SAP” INDIGNATO

Quando è troppo…è troppo!!! La solidarietà, questa volta, non basta! Il SAP – Sindacato Autonomo di Polizia di Foggia non è rimasto in silenzio dopo l’ennesima grave aggressione subita da alcuni poliziotti in servizio presso la Polizia Stradale, malmenati all’esterno del CARA (Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo) di Borgo Mezzanone. Qualche giorno fa, “gli agenti erano impegnati in un servizio istituzionale all’esterno della struttura di Borgo Mezzanone quando – racconta il segretario provinciale del ‘SAP’ GIUSEPPE VIGILANTE – sono stati oggetto di una vile aggressione messa in atto da più di una cinquantina di cittadini extracomunitari che li hanno accerchiati, colpendoli ripetutamente con calci, pugni ed oggetti contundenti”. Agli operatori vittime di aggressione sono stati riscontrati danni fisici giudicati guaribili in 30 e 15 giorni, salvo complicazioni, e solo l’arrivo di rinforzi delle Forze dell’Ordine ha scongiurato il peggio. “Sappiano tutti che i delinquenti e tutte le forme di delinquenza esistenti in questa provincia non intimidiranno i poliziotti oggetti della vile aggressione e tutti i poliziotti di Capitanata. Non ci facciamo né ci faremo mai intimidire da questi violenti che sono contro ogni forma di legalità”, ha aggiunto VIGILANTE. “Il S.A.P. e tutti i poliziotti di Capitanata sono al fianco dei colleghi, continuando l’instancabile dovere quotidiano. Non possiamo però – lo abbiamo fatto nel recente passato e lo ripetiamo anche oggi – non denunciare, per l’ennesima volta, la cronica sofferenza dei colleghi che quotidianamente prestano la loro attività in questa terra con dignità e professionalità”. Fin qui il comunicato del SAP di Capitanata. Vogliamo aggiungere tutta la solidarietà possibile della nostra GAZZETTA agli Agenti aggrediti e l’invito al Legislatore nazionale ad inasprire le pene per quanti usano la violenza contro chi per professione deve garantire il rispetto delle regole democratiche e la civile convivenza.

Altri articoli

Back to top button