ComunicatiIn evidenza

Pro Civitate: “E’ arrivato il momento di ridarci la nostra vita di sempre!”

“MO’  BASTA….. Eh sì, noi diciamo: e mò, bastë!!!….

Per questa città è arrivato il momento di riappropriarsi della sua storia,  delle sue tradizioni, del suo saper vivere. Ci siamo stufati di subire i vari “NO: non si può”.

Ci siamo stufati di essere additati come delinquenti, di assistere a un far- west e al perpetrarsi  di tanti atti vandalici ( cfr. auto incendiate e depredate , appartamenti svuotati, mezzi agricoli rubati, campagna aggredita e distrutta…etc, etc…).

 Lo Stato c’è ma in maniera “ soft”….

Una realtà, quella sanseverese, non la si può affrontare con uno sparuto numero di forze dell’ordine, a cui va tutto il nostro ringraziamento per il loro operato.

Vorremmo vedere tutti i giorni e tutte le notti, quegli 80 uomini delle forze dell’ordine visti  la Domenica e il Lunedì della Festa Patronale, per la sola paura che si accendesse un batteria ( sic!!!!!).

Mancavano solo le frecce tricolori.

E’ arrivato il momento di ridarci la nostra vita di sempre, del nostro modo di divertirci, di onorare e festeggiare alla nostra maniera.

Non è più tollerabile vedere che nelle altre realtà pugliesi, ma anche in tutta Italia, stanno riprendendo le  manifestazioni tipiche locali , mentre a noi non  è permesso: ci sono le leggi! Noi siamo convinti che il ritorno alla vita “normale” è possibile.

Le Leggi, a volte, vessano i cittadini. Purtroppo l’Istituzione Amministrativa e  la Chiesa locale, – prese da altri impegni (!!!!!!!…) – Le vediamo, tristemente, assenti e incapaci e, peggio ancor, poco propense all’ascolto, altro che PUMS e mobilità sostenibile. Sindaco, il  progetto di salvaguardia delle Feste Patronali e della produzione artigianale delle batterie, presentato 3 anni fa ,dalla Associazione “Pro Civitate” per l’UNESCO, che fine ha fatto?

E’ nostro sacrosanto diritto auspicarci di poter riavere, a presto e subito, l’accensione delle nostre amate batterie, le bancarelle, le giostre, le bande e le processioni, sempre rispettando le disposizioni legislative. Oltre allo spirito e al morale del sanseverese comune, ne gioverebbe l’intera economia e l’immagine della nostra bella città.”

San Severo, 24.09.2021

 IL PRESIDENTE Ass. Pro Civitate

Ciro Capraro

Altri articoli

Back to top button