Comunicati

PROVINCIA, SOTTOSCRITTA LA CONVENZIONE PER IL PROGETTO “IO NON MOLLO CAPITANATA”

Sottoscritta la convenzione tra l’ufficio della Consigliera di Parità, Confartigianato Federimpresa UPAC e Con-Form per la realizzazione del progetto “Io non mollo Capitanata”. Hanno stipulato la convenzione la Consigliera di Parità provinciale avv. ANTONIETTA COLASANTO, il Direttore Provinciale di Confartigianato NICOLA DI FRANZA e la Presidente della Con-Form ROBERTA PAOLINI. L’Ufficio della Consigliera di Parità e Confartigianato attraverso il progetto “ IO NON MOLLO CAPITANATA” intendono realizzare un progetto principalmente rivolto a donne vittime di atti di violenza, per favorire il loro inserimento nel mercato del lavoro mediante la creazione di imprese in diversi settori, favorendo lo sviluppo di competenze trasversali e specifiche, sviluppando capacità organizzative, di leadership e di gestione delle risorse umane per poter agire ed operare strategicamente nel mercato. Ma soprattutto supportare l’acquisizione di autostima per facilitare il riscatto da una condizione di forte disagio sociale. L’occupazione ed il lavoro, quindi, al servizio delle donne, per consentire una vera inclusione sociale nel momento in cui fanno ritorno alla vita normale, restituendo loro una nuova concezione di sé, la voglia di vivere, di riscattarsi, di sentirsi utili, di sviluppare le proprie capacità ed inclinazioni. L’idea progettuale nasce anche dall’esperienza di CONFARTIGIANATO che attraverso “Donna Impresa” promuove e sostiene politiche di genere per lo sviluppo dell’auto imprenditoria al femminile sul territorio, supportato dalle politiche datoriali nell’ambito dell’associazione, sia regionali che nazionali. La combinazione Associazione datoriale, Ente Formativo, Aziende permette lo sviluppo adeguato del progetto proposto. La formazione per le donne è uno strumento efficace di politiche a sostegno delle pari opportunità. Soprattutto per le donne occupate ed in cerca di occupazione, e ancora di più per le donne in situazione di disagio sociale, la specializzazione formativa e l’orientamento rappresentano spesso l’unico vantaggio competitivo in grado di ridurre le barriere d’ingresso e i rischi d’uscita dal mondo del lavoro.

Altri articoli

Back to top button