ComunicatiPrima pagina

Provinciali: MICHELE DEL SORDO CANDIDA ESPERIENZA ED AMORE PER LA SUA TERRA

Riuscire a riacquistare la fiducia nell’azione politica, quella pura e vera e quella al servizio della comunità, non è più semplice come un tempo.

Eppure vi sono uomini animati da passione, pronti ad attivarsi per difendere i valori e gli interessi della propria terra.
IL 30 gennaio prossimo si terranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale.
“Insieme per la Capitanata” vi parteciperà attraverso una lista composta da dodici candidati, tra cui ritroviamo Michele DEL SORDO
che rappresenterà, o meglio si adopererà per tutelare gli interessi della sua amata San Severo.
“Il mio sogno è che gli abitanti di questa splendida terra tornino ad amare le proprie radici, trovando in esse la capacità di sognare, immaginando e disegnando il proprio futuro, il proprio ruolo e la propria prospettiva di crescita.
Quando mi hanno chiesto di candidarmi per assumere un ruolo in seno al Consiglio Provinciale di Capitanata, offrendo le mie esperienze, le mie competenze e le mie capacità, non ho avuto alcuna esitazione ed ho accettato con orgoglio, umiltà ed emozione, forte della ferma determinazione di contribuire, di mettermi in gioco, di essere protagonista e non spettatore per provare a sostenere le scelte strategiche del futuro prossimo e remoto”, dichiara il candidato DEL SORDO con fervore ed entusiasmo.
Il suo è un curriculum di tutto rispetto tanto sul versante professionale, quanto su quello umano.
Dopo aver trascorso cinque anni in Direzione Sanitaria presso “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo, attualmente lavora nel settore della gestione del personale.
Nel giugno 2016 è stato nominato Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di San Severo; un incarico che ha portato avanti con la stessa dedizione e l’impegno con cui svolge il suo lavoro quotidiano.

“QUALI SONO STATE LE PRINCIPALI MOTIVAZIONI A SPINGERLA AD ACCETTARE TALE CANDIDATURA?”.
“Lo spirito di servizio e la passione politica sono i motivi principali del mio impegno. Nonostante la fatica e la difficoltà di agire quotidianamente in un contesto problematico e complicato, sento ancora prevalere l’amore per una comunità per la stragrande maggioranza ricca di valori, laboriosità e generosità, rivolti ad un territorio meravigliosamente ricco di risorse naturali, artistiche e paesaggistiche che dovrebbero renderlo simbolo di una qualità della vita fatta di scelte sostenibili e rispettose del Creato. Per dare risposte positive e concrete a questa visione sono sempre pronto a mettermi a disposizione in maniera totale e convinta”, dichiara il candidato DEL SORDO con visione ottimista e con un pensiero rivolto particolarmente al perseguimento degli ideali ed all’amore per la propria terra.

“IN UN CLIMA DI SFIDUCIA, COME POTER AGIRE PER INCORAGGIARE LA COLLETTIVITÀ?”.
“Se dovessi essere chiamato a ricoprire questo ruolo mi impegnerei, con sicurezza e convinzione, a mettere in campo ogni mia energia per dare risposte ad esigenze ed aspettative alla gente di Capitanata, trovando in questo stimolo il vero concretizzarsi del mio sentire, sia civile che politico; cogliendo dunque le speranze, i sogni e le richieste dei cittadini, allo scopo di contribuire a rafforzare la visione di sussidiarietà che rende protagonista ciascuno in un contesto di coinvolgimento e valorizzazione e che permette di pensare ad una svolta culturale, sociale e di sistema”.

“STIMOLI, CONCRETEZZA D’AZIONE, FIDUCIA NEL DOMANI. QUALE ESPERIENZA LA CONDUCE VERSO TUTTO QUESTO?”
“La mia storia racconta di una costante ricerca di assemblare idee e persone, con la consapevolezza che i ponti sono più utili dei muri, coinvolgendo le Associazioni, i Comitati, i Cittadini attivi in un’ottica di rispetto e valorizzazione reciproca, nella convinzione che le risposte nascono dal confronto virtuoso del maggior numero di esperienze ed intelligenze e che la partecipazione consapevole educa ciascuno ad affermare la propria titolarità di diritti ed interessi legittimi, per spazzare via opacità vischiosa e servilismo. Questa modalità di lavoro permanente, sistematico ed incisivo postula capacità di ascolto ed attenzione agli altri, onde raggiungere la sintonia umana che permette di raccogliere tutte le istanze e le speranze, stella polare della buona Amministrazione che si incarna in esperienze come quella comunale e come quella regionale che hanno impresso, (seppur tra mille innegabili difficoltà generali e pandemiche), un segno di cambiamento ispirato alla affermazione di una società più equa, coesa e virtuosa. Questo è il senso dell’impegno di ogni individuo in tale momento storico ed io, ovviamente, non mi sono sottratto. Trovare quindi una indifferibile sintonia tra il territorio e le Istituzioni, mettendo in agenda la sicurezza nelle scuole, le politiche del lavoro, la manutenzione delle strade, la tutela della sicurezza e la lotta al malaffare ed alle illegalità, per l’affermazione della cultura del protagonismo collettivo insieme alle Istituzioni e mai contro, o (peggio), nonostante le Istituzioni.
Ritengo sia questa la strada giusta da percorrere affinché il nostro territorio torni ad essere artefice del proprio destino di grandezza, scrigno di tesori di cultura di inclusione e di accoglienza. Con il senso di responsabilità che mi caratterizza inoltre, nel caso in cui dovessi essere chiamato a svolgere la funzione di Consigliere Provinciale, mi impegno a fare del mio meglio per affermare i valori ed i temi che hanno da sempre incarnato il mio agire, onde poter contribuire in maniera concreta e pragmatica al superamento di una situazione complessiva oggettivamente complessa e cogliere le opportunità che il rilancio post-pandemico deve riconoscere al nostro territorio”, dichiara con fermezza Michele DEL SORDO, concludendo:
“Spero di essere all’altezza di portare avanti il mio impegno sui temi che mi stanno a cuore, con il fine di creare opportunità di crescita per tutti coloro che vivono ogni giorno nella nostra provincia feconda, poliedrica e talentuosa”.

Il lavoro quotidiano di DEL SORDO nell’Ospedale del Santo Padre Pio, di cui è molto devoto, lo conduce verso una visione altruistica, senza perdere di vista problematiche che a monte ostacolano spesso l’azione politica, la quale ricordiamo di essere quella volta al bene della Comunità.
Se un paziente si ammala si cerca di aiutarlo, tanto quanto un Cittadino reclama bisogno, cura, aiuto e protezione.
Michele DEL SORDO, candidato nella lista “INSIEME PER LA CAPITANATA”, è presente al servizio della collettività con coerenza, lui che è cresciuto con una sorella che gli ha trasmesso valori solidi, come quello della famiglia, e con uno zio sacerdote, il compianto don Aldo PRATO, le cui parole sono ancora impresse nel suo cuore e nella sua mente.
Trasparenza, lealtà, coraggio, consapevolezza…il tutto in una missione che va oltre la politica, difendendo già quotidianamente i valori in cui crede fermamente.

Altri articoli

Back to top button