ComunicatiPrima pagina

Quo Vadis? E dove va’ il Presidente Mattarella? 

Quo Vadis?

E dove va’ il Presidente Mattarella?

Il Premier Draghi è un’ottima persona, ma la “combriccola” dei compagni di viaggio (anche se non tutti) lascia molto a desiderare.

Con uno “Speranza”, sinistro Ministro della salute, c’è ben poco da sperare!

L’Italia continua ad essere variopinta: rosso, arancione tenue o rinforzato e giallo.

Il commissario Arcuri è stato congedato, ma lo “Speranza” continua a farla da padrone con un’Italia variopinta.

I contagi aumentano, ma anche la fame degli Italiani, che non lavorano galoppa!

Molto bene il gen. Figliolo ed altrettanto dicasi per il dott.Curcio.

Il cambio “di passo” però, non c’è stato perché un’eterogenea composizione del governo non permette al Presidente Draghi di dare il meglio.

Allora, in tale situazione, da italiano preoccupato, mi chiedo: Dove va’ l’Italia, Signor Presidente?

Permettere al governo attuale il protrarsi di un’agonia (e quella per fame è la peggiore!) non è ciò che gli Italiani si attendono.

Ormai il Presidente Draghi da oltre due mesi è a palazzo Chigi, ma i risultati sono lontani da quelli attesi, nè il futuro si prospetta migliore non certamente per colpa Sua.

Lungi da me l’idea di voler suggerire a Lei il rimedio per evitare che una malattia “incurabile” prosegua il doloroso percorso fino alla conclusione letale.

Intanto a garanzia e riprova della mancata discontinuità dal precedente governo Conte (genio incompreso ed inesistente come suol dire il giornalista Sansonetti), nel governo Draghi si è sistemato nuovamente il Ministro degli Esteri Luigi di Maio.

Solo Speranza, a dare lustro al governo, non bastava?

Oggi il Ministro di Maio si trova impegnato ad affrontare una vicenda di “spionaggio da operetta” nella quale un militare, capitano di fregata della marina vendeva ai Russi importanti segreti.

Forse si trattava dei segreti per impastare “le orecchiette pugliesi”? Dato il prezzo irrisorio, che veniva corrisposto alla spia.

Speriamo solo che il nostro Ministro degli esteri non faccia ripiombare l’Italia in un clima di guerra fredda.

La Russia non è la Repubblica di San Marino con la quale il Ministro aveva dimestichezza a trattare!

Presidente Draghi c’è da invidiarLa!

La pandemia, il piano vaccinale che zoppica, le fibrillazioni continue nelle varie correnti, l’ambizione del Conte Giuseppe, avvocato del popolo, o meglio dei…poveri, che spera sempre di ritornare al potere senza sapere che “chi di speranza vive disperato muore”, non rendono lunga la sua esperienza governativa.

San Severo 06-04-2021

Avv.Antonio Censano

Altri articoli

Back to top button