ComunicatiIn evidenza

RACCONTA SAN SEVERO FESTIVAL, IL SUCCESSO E LA SODDISFAZIONE DELLA PRIMA EDIZIONE

Grande successo della prima edizione del Racconta San Severo Festival, dal 26 al 28 novembre tre giorni di eventi sempre sold out. Presentazioni di libri, passeggiate patrimoniali nel centro storico, racconti nelle cantine, teatro-cucina, tutto volto a valorizzare la tradizione, la cultura e la storia della città di San Severo.
Le ideatrici e direttrici sono cinque donne, Paki Attanasio, Paola Marino, Stefania Monteverde, Marina Peral, Lucia Tancredi, che hanno messo al centro del festival il racconto della città del San Severo e del suo ricco patrimonio d’arte, di persone, di imprese: una ricchezza di cui i sanseveresi devono andare orgogliosi, da conoscere e far conoscere. Questo l’obiettivo del neonato festival raggiunto in questa prima edizione: in tre giorni 6 appuntamenti che hanno coinvolto oltre 50 studenti e studentesse del Liceo Rispoli-Tondi, oltre 40 persone per la passeggiata patrimoniale in centro storico, 6 i siti culturali visitati tra vicoli, cupole, campanili e icone mariane, 4 gli spazi culturali coinvolti. Oltre 200 persone negli eventi di presentazioni di libri e storie, di cibo e territorio con accessi a numero chiuso e con prenotazione a causa delle normative anticovid che hanno limitato a molti di partecipare.
Tutto parte da un libro “Gargano negli occhi”, della scrittrice Lucia Tancredi e pubblicato dalla EV Casa Editrice, il racconto di un viaggio garaganico con una tappa speciale nella città di San Severo, una tappa che ne rivela tutta la sua bellezza d’arte e che ha guidato il festival in una scoperta continua, affascinante e coinvolgente.
Racconta San Severo Festival in chi ha partecipato ha rinnovato l’entusiasmo dell’appartenenza orgogliosa e la voglia di essere propositivi nel raccontare il buono e il bello della nostra città. Con questo spirito la forza del festival è l’aver creato una rete di 9 realtà che si sono ritrovate insieme: l’APS la Strada dei Sapori, l’APS Spazio OFF, l’Associazione Culturale EV, le Cantine D’Araprì, la Libreria Orsa Minore, il Touring Club Italiano CdT San Severo, la Consulta delle Associazioni di San Severo, la ProLoco San Severo, il Liceo Rispoli-Tondiv con il patrocinio del Comune di San Severo – Assessorato alla Cultura, il GAL Daunia Rurale 2020 e sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura del Ministero della Cultura.
“Siamo molto soddisfatte del risultato di questi tre giorni e della rete nata in così poco tempo. Abbiamo dimostrato che il modo migliore per contrastare la narrazione noir di San Severo è rispondere con la narrazione orgogliosa sulle cose belle e buone della città di San Severo, insieme in una inedita alleanza per promuovere il patrimonio di bellezza, cultura, tradizioni, storie di queste terre – hanno dichiarato le direttrici artistiche a conclusione del festival. – Adesso allarghiamo la rete ai tanti contagiati dall’entusiasmo e che hanno chiesto di esserci per preparare la seconda edizione del festival e promuovere insieme questo bellissimo territorio”.
Il successo si deve senza dubbio a quanti hanno reso possibile lo svolgimento ed hanno partecipato con entusiasmo.
Il festival chiude con un auspicio: che questa sia la prima edizione e ci si possa incontrare  di nuovo nel 2022, allargando la rete e diventando sempre più un festival della città di San Severo, come testimoniato dalle innumerevoli richieste di inclusione da parte di altri che ne hanno apprezzato lo spirito e la valenza.
Il coraggio di  impresa di cinque donne può diventare quello di tanti per un progetto che non è solo un festival di eventi ma un  ampio e orgoglioso progetto di valorizzazione della città di San Severo.
APS la Strada dei Sapori, Spazio OFF, l’Associazione Culturale EV
RUBINO20x20_postpubblicitario-02

Altri articoli

Back to top button