Prima pagina

REGIONE PUGLIA: PUBBLICATA LA NUOVA LEGGE SUL RANDAGISMO, TRA LE PIÙ INNOVATIVE IN ITALIA

Finalmente pubblicata sulla Gazzetta ufficiale diventa realtà la nuova legge regionale in materia di randagismo

“Norme sul controllo del randagismo , anagrafe canina e protezione degli animali da affezione”

la legge è stata licenziata, durante il consiglio Regionale del 28 gennaio 2020 , dopo ore di discussione in cui non sono mancate le obiezioni di chi , evidentemente, aveva altri obiettivi.

A seguito di un grande lavoro portato avanti dal Coordinamento delle Associazioni Animaliste Pugliesi  ( CAAP ) si è dato il via ad una nuova era !

IMPORTANTISSIMI gli obiettivi raggiunti :

⭐ la nomina da parte dei comuni di un referente in materia di randagismo

⭐ l’aggiudicazione dei bandi per la gestione dei canili su base qualitativa , essendo il costo fisso e non soggetto a ribasso

⭐ il divieto di conferire animali in strutture di ricovero fuori dalla provincia di appartenenza

⭐ l’impossibilità di adottare un cane per quanti abbiano condanne per maltrattamenti ad animali e/o a persone

⭐ la possibilità di sterilizzare presso la Asl animali che non erano stati sterilizzati in canile prima dell’adozione ( vd cuccioli)

⭐ l’attivazione di una sezione informatica dove pubblicare le foto e i dati dei cani accalappiati

⭐ trattamenti sanitari e sterilizzazioni gratuite per i cani delle aziende zootecniche

⭐ la possibilità per le associazioni di stipulare convenzioni per gli interventi di limitazione delle nascite

⭐il divieto di detenzione a catena

⭐ il recupero da parte della asl di cani e gatti vaganti

⭐microchippatura obbligatoria per i gatti

⭐i gestori dei canili non potranno  piu vietare l ingresso alle associazioni nemmeno in canili privati, né  impedire la realizzazione di video e foto. Avranno telecamere  interne ed esterne.

⭐ Apertura dei canili al pubblico 7 giorni  su 7 per 3 ore.

Ci dispiace che alcuni consiglieri regionali abbiano totalmente frainteso il senso di questa legge innovativa , ma vogliamo attribuire le loro obiezioni ad una conoscenza non troppo approfondita della materia , perchè quando si afferma che le associazioni o gestiscono strutture o collaborano con chi le gestisce avendo libero accesso alle stesse , beh, si lascia ben intendere che di canili e della situazione pugliese in tema di randagismo si sa ben poco.

A quanti infine hanno sostenuto che non è corretto “sprecare tempo” con gli animali vorremmo fare presente che una seduta di consiglio ogni 25 anni non è poi un così grande sforzo.

Il nostro plauso va al Presidente Emiliano , che ha dato prova di lungimiranza , e di aver compreso che il randagismo non si batte costruendo ulteriori strutture , ma puntando sulla prevenzione, controllo e sul benessere degli animali.

Ringraziamo per questo importante risultato il consigliere Pellegrino , che si è impegnato dal primo momento a dar voce a chi voce non ne ha mai avuta , i consiglieri regionali Bozzetti , Galante e Barone per averci supportato in questa difficile battaglia.

Adesso ci aspetta ancora tanto lavoro e sicuramente gli ostacoli non mancheranno , considerati gli interventi ascoltati in consiglio regionale al momento della discussione della legge .

Ma noi siamo certi che la strada sia quella giusta e che alla fine , un barlume di speranza per tanti animali, da sempre , trattati come gli ultimi degli ultimi , si cominci a vedere.

Altri articoli

Back to top button