ComunicatiIn evidenza

RIFIUTI ORGANICI E LORO RICICLAGGIO IN LOCO IMPIANTO di COMPOSTAGGIO ex SAFAB

Un tema particolarmente sentito dalla cittadinanza agita il dibattito pubblico e il mondo politico cittadino. Una recente sentenza del TAR pare sbloccare la realizzazione di un impianto di compostaggio dei rifiuti organici che sarà gestito da  una azienda privata.

Qualche giorno fa, in una apposita riunione del Consiglio Comunale in seduta monotematica aperta, l’Amministrazione ha deciso di fare ricorso al Consiglio di Stato per contestare le dimensioni abnormi di quell’impianto, dal momento che la gran parte delle forze politiche locali, pur ritenendo corretto chiudere il ciclo dei rifiuti, richiede un impianto proporzionato a quanto si produce nel nostro contesto territoriale.

Perciò sembra fuori luogo il proliferare di tanti (Salvini) che dicono di parlare in nome del popolo contro la nascita dell’impianto.

Oramai anche il semplice cittadino comprende che i rifiuti che produciamo li dobbiamo smaltire sul nostro territorio, come del resto direttive e studi europei indicano, privilegiando il compostaggio come una delle soluzioni in riferimento alla frazione organica.

In passato i detrattori di oggi erano favorevoli alla attivazione di un impianto privato su via San Marco e del tutto strumentalmente solo in questa occasione scoprono le virtù del pubblico, ma per sterile contrapposizione polemica. Inoltre, bisogna ricordare che per fare un impianto pubblico ci vuole un piano regionale che da anni ancora non abbiamo in Puglia. Su questo punto, in prossimità della campagna elettorale, dovremmo presentare proposte stringenti e vincolanti come Articolo UNO.

Pare giusto ribadire che in presenza di un esito negativo del ricorso amministrativo diviene necessario:

  • imporre all’azienda che l’impianto si faccia con tecnologia anaerobica, per minimizzare eventuali cattivi odori dispersi nell’aria;
  • richiedere criteri di sicurezza ambientale, con continui controlli dell’intero processo, per garantire processi industriali di assoluta sicurezza.

San Severo, 24 giugno 2020

Il Coordinatore Cittadino

Michele Annolfi

Altri articoli

Back to top button