Comunicati

ROBERTO FANELLI: “MAGGIORANZA TELECOMANDATA, OPPOSIZIONE… NON CI RESTA CHE PIANGERE!”

di DESIO CRISTALLI

ABBIAMO CHIESTO A ROBERTO FANELLI (nella foto), GIÀ ASSESSORE E CONSIGLIERE COMUNALE, OLTRE CHE CANDIDATO PIU’ VOLTE ALLE CARICHE POLITICHE NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI, DI RISPONDERE, PER UN’INTERVISTA FLASH, A UN’UNICA DOMANDA PER UNA ‘FULMINANTE’ OPINIONE SULL’ATTUALE MOMENTO POLITICO-AMMINISTRATIVO LOCALE, GIUDICANDO MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE. ECCO COSA CI HA RISPOSTO:

“Gentilissimo Direttore, sono stato chiamato ad esprimere un parere sull’attuale Amministrazione Comunale di San Severo ed anche ad una riflessione sulla Maggioranza e Minoranza che compongono il Consiglio Comunale.Ebbene le risposte si danno da sole…!  Basta guardarsi intorno o chiedere ai nostri cittadini e forse anche alla gente che per la prima volta mette piede nella nostra Città, meglio definita PAESONE o addirittura BORGATA, per capire cosa ne pensano. Tutto questo perché l’attuale Consiglio Comunale nasce da un ACCORDO CLIENTELARE a medio e largo raggio, frutto di un’intesa programmata a tavolino e telecomandata. Per capirci meglio, la COMMEDIA è articolata su una sceneggiata tipicamente MARIONETTISTICA in cui il PUPARO muove i suoi BURATTINI e gli dà contemporaneamente voce attraverso un meccanismo ventriloquo.Difatti il ventriloquo riesce a parlare muovendo i suoi visceri, facendo invece credere che, alla fine, parlano gli altri!!! Il puparo tira i fili e le marionette muovono la bocca e le braccia…e ognuna di essa ha un suo nome. Ora faccio io delle domande ai Lettori, quasi come per un REFERENDUM GIORNALISTICO A RISPOSTA DIRETTA, citando qualche questione di pubblico interesse. Come mai nella Campagna Elettorale del 2014 l’attuale Presidente della Regione, snobbando più volte il PD di cui era Segretario, si è invece presentato a favorire l’elezione di un candidato di una Lista Civica e fuoriuscito dal PD di San Severo? Come mai e guarda caso lo stesso si è trovato in tasca già dalla prima Giunta Comunale la nomina di ASSESSORE ALLA LEGALITÀ E SICUREZZA, in un anno sabbatico in cui sarebbe dovuto rientrare nei ranghi del proprio mestiere? E quali miglioramenti la sua nomina ha portato alla città di San Severo se non una escalation malavitosa?Quali opportunità in materia di Agricoltura, Edilizia, Sanità, Lavoro e Pubblico impiego la nostra città ha avuto da questi signori della Politica, seppure nei loro cartelloni tutto era possibile e si dava una speranza nuova ai cittadini? Chi sono i nuovi volti della Maggioranza e come sono arrivati in cima all’albero della Politica o meglio al PALO DELLA CUCCAGNA? Le Risposte datele voi. Quali MIGLIO-RAMENTIsono stati apportati ad una città in ginocchio? QUALCHE ASSUNZIONE CLIENTELARE O QUALCHE INCARICO OTTENUTO E MAL GIUSTIFICATO…questo è tutto!E di questo la popolazione si è dovuta accontentare.La loro risposta al perchè dello SFACELO E FALLIMENTO DI SAN SEVERO è sempre la stessa e cioè che la colpa di tutto è sempre di chi li ha preceduti.Il Puparo che da decenni imperversa nella nostra città, pur sopravvivendo a se stesso ha colpito ancora!Della opposizione che dire? Parlare di LALLO è inutile. Bisogna credergli per Fede. Lui stesso è uno dei principali artefici del successo della Maggioranza. Difatti è proprio per colpa delle sue rinunce ad apparentamenti diversi e con una strategia autarchica e monocratica, sfidando il popolo e l’elettorato, ha consegnato la nostra città all’altra parte. Lui c’è sempre ma non si vede né si sente mai. Come il famoso “Fantomas“.Diceva TROISI: “Non ci resta che piangere”.Forse una speranza di coerenza epropositivitàsarebbe da assegnare al giovane emergente FRANCESCO STEFANETTI, almeno per impegno e coraggio nulla da dire.Speriamo bene per il futuro dei nostri giovani cittadini, sempre più convinti che nell’abbandono del proprio paese ci sia la risoluzione dei loro problemi.Grazie Direttore e…un saluto”.

Altri articoli

Back to top button