ComunicatiIn evidenza

San Paolo di Civitate, tutto a posto alle poste?

Poste chiuse a San Paolo di Civitate. cittadini protestano

San Paolo di Civitate, ieri, 16.11.2020

Poste chiuse dopo uno “stop” di 4 giorni che avrebbe dovuto trovare la fine il 14.11 2020.

In un momento dove il disagio è quasi ai massimi livelli, per giungere al 100% basta che le “poste italiane” restino chiuse anche il lunedì.

Sappiamo l’importanza dell’azienda nel Ns paese:

1) pacchi da spedire ai figli lontani;

2) raccomandate da inviare;

3) pensioni ( purtroppo unica fonte di reddito) da percepire;

4) prelievi, per chi ha ancora qualche spicciolo, da  effettuare.

Ebbene, ieri mattina, qualora vi foste recati alle “poste”, avrete notato un cartello che definirei simpatico e, allo stesso tempo, poco saggio e attento.

Infatti, ci si lamenta con l’amministrazione comunale della chiusura del locale che ospita l’azienda “poste italiane spa”.

In primis, deve evidenziarsi che l’azienda non è sottoposta, subordinata o dipendente dal voler politico sulla gestione dei propri affari.

Successivamente, deve però sottolinearsi, la assoluta ed incontrovertibile necessità del servizio pubblico che, quindi, de relato, lo rende indispensabile e quindi meritevole di soggezione pubblica.

Detto questo, le domande che mi sono posto sono poche:

1) Cosa volete dai rappresentati del popolo che avete scelto VOI?

2) Perché nascondersi dietro un cartello anonimo?

3) Perché sollevare un problema senza metterci la faccia?

San Paolo di Civitate è pieno di persone pensanti che però non hanno la forza di parlare, di esporsi, di prendere una direzione chiara.

San Paolo di Civitate è quel posto dove tutti sparlano di tutti senza assumersi le responsabilità.

San Paolo di Civitate è quel paese che va a votare per accontentare il cugino, lo zio, l’amico o il fidanzato. ( cosa che succede in ogni comune purtroppo).

E adesso?? di cosa ci si lamenta?

Si cerca sempre un colpevole per giustificare un disservizio ( e non mi riferisco solo alle poste) quando i colpevoli siamo noi?

Weeee, ma voi siete così bravi a fare la morale additando responsabilità ad altri?

E voi, questa responsabilità, quando ve la siete mai presa??

Ricordatevi, cari compaesani, che la prima responsabilità politica e sociale è degli elettori.

San Paolo ormai è morto per colpa nostra!

Solo la voglia dell’intera popolazione e la cooperazione tra i più può salvare il paese trasformandolo da un attuale spizio dove il massimo della vita sociale è il passeggiare in piazza, al luogo che, fino a soli 15 anni fa, era il paradiso per tutti i paese limitrofi.

San Paolo di Civitate ha una storia che potrebbe fare invidia a Lucera ( Terra di Federico II)!

Potrebbe essere meta degli scavi, potrebbe essere meta per l’olio di peranzana, per il torcinello, per la via francigena per le tradizioni popolari eppure……niente, silenzio, lassismo, in un clima di dormiveglia in attesa che qualcosa  accada per volere di altri ( senza considerare che chiunque si applichi viene travolto dalle dicerie e dalle cattiverie tipiche del ns paese).

Ma da chi deve venire sta benedetta magia????

Non lamentatevi delle Vs scelte perché risultate ridicoli e….. contrariamente a quanto scritto nel cartello…. I sanpaolesi ?Poco attenti !

Dalone (manca solo una “Z” per essere comici)

Altri articoli

Back to top button