ComunicatiPrima pagina

San Severo: 21 dicembre aveva inizio la Festa della Matricola.

Anche quest’anno, voglio ricordare la data del 21 dicembre, giorno in cui, a San Severo, aveva inizio la Festa della Matricola. Devo confessare che,
ancora oggi, quando mi capita di vedere una feluca universitaria , soprattutto nuova di zecca in una vetrina di cappelleria , mi emoziono. È un fiume di sentimenti ed immagini, di volti e di accadimenti, che invadono la memoria, che riempiono il cuore.
Pensi all’ entusiasmo, alla irrefrenabile voglia di vivere di quanto avevi 20 anni, ai sogni e ai progetti di quando hai messo la prima volta piede in università, ed anche – perché no! – alle ansie ed ai timori per tutto quanto ti era ignoto. Quel vortice incontrollabile di emozioni poteva essere rappresentato da quella feluca nuova, bellissima, che ti regalarono quando eri Matricola: rigida, con i nastrini e i cordoncini d’ oro, perfino con la fodera all’ interno. Poi, passano gli anni, prende altre forme, si riempie di ammenicoli, i nastrini e i cordoncini prendono il color bronzo, la fodera ti è stata tolta… E già!
E giunge il momento che devi conservarla: a volte in bella vista, magari in biblioteca o nello studio professionale ; altre volte in cantina.
La domanda, però, è una sola, in un mondo in cui le storie finiscono per cominciare, o cominciano per finire: la feluca, qualche volta, la indossi ancora dentro di te?
Perché averla indossata, può capitare, ma averla dentro è altra cosa. Puoi continuare ad indossarla da medico o da avvocato, da ingegnere o da scienziato, come da barbone o disoccupato, perché il problema è se dentro di te resta, pur tra i mille problemi della vita, un bagliore di quella giovinezza che certamente hai avuto, chiunque tu oggi sia. Se è così, gioisci, perché sei ancora vivo e sei ancora un uomo. Auguri a tutti i Goliardi, a tutti gli uomini liberi, di ieri, di domani e di oggi: 21 dicembre 2021.

Avv. Dario de Letteriis

Altri articoli

Back to top button