ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

San Severo: COMUNE, PROGRAMMARE LA LA QUALITÀ DEL PERSONALE

di DESIO CRISTALLI

Una rapida ricognizione municipale relativa alla macchina burocratica di Palazzo Celestini, ci ha rafforzati in una impressione che avevamo già avuto con le passate Amministrazioni. Ci riferiamo al fatto che, quasi mai, ci si preoccupa per tempo di creare figure di affidabile professionalità per sostituire i responsabili dei vari uffici e servizi che vanno in pensione o che per mobilità vanno a lavorare altrove. Nell’ultimo decennio lo storico Palazzo di Piazza Municipio ha perso tante professionalità che, pur tra difficoltà d’ogni genere, sono riuscite a portare avanti un lavoro che può anche essere criticato dalla Cittadinanza ma che comunque ha garantito una gestione utile delle mille esigenze quotidiane di una comunità che oggi conta circa 54.000 residenti. Una ricognizione altrettanto rapida consentirà all’Assessorato al Personale di prospettare a Sindaco e Giunta Comunale quali sono i responsabili di uffici e servizi che, tra non molto, lasceranno il lavoro per raggiunti limiti d’età o per altri motivi. Fatto ciò, urgerà affiancare alle ‘colonne’ dei vari settori della municipalità giovani che hanno numeri umani e di preparazione da lanciareal momento opportuno a ricoprire con sufficiente autorevolezza (pur se non supportata dall’esperienza che verrà nel tempo…) il ruolo altolocato d’area, di settore o d’ufficio. La realtà quotidiana supportaquesto nostro suggerimento che, in fondo, fa parte del nostro compito professionale, se votato a collaborare al miglioramento della nostra Città a partire dal Palazzo per antonomasia. Per tanti anni questo aspetto è stato piuttosto trascurato ed i risultati sono stati spesso…non proprio ottimali. Naturalmente non intendiamo colpevolizzare questo o quello, solo contribuire a convincere chi deve preoccuparsi, per il ruolo che ricopre ai vertici politici e burocratici di San Severo, di far fare un po’ diutilissima gavetta a chi deve guidare altri come DIRIGENZA, ALTA PROFESSIONALITÀ o POSIZIONE ORGANIZZATIVA, arrivando adeguati ai tempi difficili che la Pubblica Amministrazione (compresa la nostrana!) vive da decenni in questo <<NON ECCELLENTE PAESE>>. So perfettamente che i consigli che non si pagano non si ascoltano ma, questa volta, mi piace immaginare che questo consiglio possa risultare utile alla nostra Città.  

Altri articoli

Back to top button