Comunicati

San Severo e la raccolta fondi per le popolazioni terremotate. Tutti insieme, per un unico obiettivo. Perché procedere in ordine sparso?

Il fattore “C” (Cuore, che sta per solidarietà a 360°) e il fattore “V” (Volontariato, che sta per aiutare il prossimo) sono sempre stati il vero motore del nostro Paese. Agli italiani, non servono le catastrofi, i terremoti, per essere “scossi” e pensare a chi ha bisogno: ieri, come oggi e domani.
Sono tanti i cittadini di San Severo che si sono mobilitati dalle prime ore del 24 agosto e, in silenzio, si stanno muovendo, organizzandosi, per cercare di dare il proprio contributo alle popolazioni terremotate.
Dai 2 euro del bimbo che rinuncia al gelato, alle cifre più importanti di enti e/o privati, come i 5000 euro previsti dal Comune (ma si aspetta il contributo spontaneo degli amministratori, come avvenuto a Lucera – 12.000 euro provenienti dalle indennità di settembre), o come quelli che arriveranno dalle campagne promosse dalle società sportive, USD San Severo calcio e Allianz Cestistica, passando per le iniziative della Consulta delle associazioni, da una degli artisti (che sta mettendo su Tonia D’Angelo), ecc..
Ma, a questo punto, perché anziché muoversi da “solisti”, non si “orchestra” tutto e si fanno convergere le piccole somme in un unico “salvadanaio”?
Si può individuare un obiettivo, un bene oggetto della ricostruzione, ad esempio, a cui destinare il contributo della Città di San Severo, e non le “sommette”, seppur frutto delle lodevoli iniziative (Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno – Madre Teresa di Calcutta).
Perché tanta fretta, allora? Se non si pensa all’effimero, all’apparire, ma alla concretezza del gesto per qualcosa d’importante, “le gocce” diventeranno senz’altro utili. Recuperare una somma cospicua, frutto delle singole, è il primo obiettivo. Insieme, però: tutta la comunità sanseverese.
Il motto usato dalla Cestistica per il settore giovanile, lo uso per l’occasione: “The power of union is strenght”; ovvero: “L’unione fa la forza!”
Beniamino PASCALE

Altri articoli

Back to top button