Comunicati

SAN SEVERO: Il 30 ottobre la presentazione del nuovo libro di Arcangela Spinelli: “Il Vento sugli Ulivi”.

Il prossimo mercoledì 30 ottobre alle ore 20,30 presso il Centro Ricerca Le Arti in Corso Gramsci, 51, si terrà la presentazione del nuovo libro di Arcangela Spinelli: “Il Vento sugli Ulivi”. L’iniziativa gode del

 

patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di San Severo seguito direttamente dal Sindaco avv. Gianfranco Savino.

L’introduzione alla serata è prevista con la Coreografia Teatrale di Tonia D’Angelo, Sabrina Regina e Iris Cucci dell’Associazione Culturale Teatrale “Ciak Sipario” (corso Garibaldi, 36). Visione cortometraggio a cura di Domiziana Lufino. Presentano: prof. Walter Presutto e Maestro Silvestro Regina. Previsti anche gli interventi del Sindaco avv. Gianfranco Savino, della dott.ssa Vincenza Cicerale, Coordinatrice Area II del Comune, e della dott.ssa Concetta Grimaldi, Direttore della Biblioteca Comunale “Alessandro Minuziano”.

Arcangela Spinelli nasce a San Severo, trascorre gli anni universitari a Pescara presso la facoltà di Lingue; consegue la laurea ad Urbino in Lingue e Letterature Straniere; insegna tutt’ora nella scuola primaria di Casalnuovo Monterotaro. Dedica la sua vita oltre che alla scuola e alla famiglia alla lettura di scrittori e poeti del 900. Ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie nel 2012. E’ amante di una narrativa tranquillizzante e regolamentata, fa del suo romanzo un oggetto quasi contraddittorio alla sua indole, nel quale coesistono pulsioni emotive collegate al racconto. Il realismo del romanzo “Il Vento sugli Ulivi” contiene tutta l’esperienza reale di Alba. Un’esperienza espressiva grama di eventi materiali, da dove l’autrice, trae una ricchezza intima derivante dal vissuto interiore della protagonista e da una catena di situazioni precarie. La trama del romanzo è dilatata lungo un arco di oltre 50 anni. Dagli eventi emerge la figura di Elisabetta, che si pone come elemento che alimenta la tensione della vicenda primaria che si conclude con tenerezza malinconica. Il tema funziona come momento indissolubile da quello della fonazione delle figure e dei rapporti e Alba.

Altri articoli

Back to top button