ComunicatiPrima pagina

San Severo: Il progetto Poliferie ritorna  a scuola

Dopo ormai ben due anni di scuola a singhiozzo, tra didattica a distanza (DAD), integrata, chiusure delle scuole e quarantene varie, pian piano il mondo della scuola sta riacquistando una parvenza di  normalità. E con essa anche le attività dell’associazione Poliferie – una realtà no-profit presente in tutta Italia – che quest’anno ritorna a San Severo per una seconda volta, dopo l’esperienza di successo al Pestalozzi.  Infatti, lo scorso 20 gennaio il team Poliferie inaugurava il proprio percorso di formazione e orientamento post-diploma al liceo scientifico “Rispoli-Tondi” della nostra città. A fare gli onori di casa, c’erano delle ex studentesse del liceo, che sono ritornate nei luoghi della propria adolescenza, questa volta da un’altra prospettiva. Loro sono Giulia Monteleone e Fiorella Spallone, compagne di classe, amiche ed ora colleghe in Poliferie, insieme a Sara Spallone – un’altra volontaria Poliferie in città. Giulia, Fiorella e Sara fanno parte del numeroso team che opera sul territorio di San Severo, unito dall’obiettivo comune di mettere al servizio dei ragazzi le proprie esperienze e competenze.

Poliferie, infatti, è una realtà che attiva giovani sul territorio, uniti dalla volta di “give back” – concetto comune del mondo anglosassone che denota quel desiderio di restituire il proprio tempo, attivismo, e sapere a quei luoghi, e quelle comunità che ci hanno formato. Si basa sulla concezione che ognuno di noi sia frutto di tutti coloro che si è incontrato durante il nostro percorso, per dirla con un idioma comune nella cultura africana “it takes a village to raise a child” (cfr. ci vuole un villaggio per crescere un bambino). Poliferie ambisce proprio a questo:  attivare giovani dalla memoria ancora fresca di quegli anni passati tra i banchi di scuola a sognare di diventare grandi, portandoli nelle scuole a condividere le proprie esperienze e fornire sessioni di formazione su quelle competenze trasversali, ormai così tanto richieste dal mercato  del lavoro, e così facilitare per le generazioni future una transizione consapevole verso la vita adulta. Nei prossimi incontri che si svolgeranno tra febbraio e marzo 2022, gli studenti si cimenteranno in classi sul  public speaking, le tecnologie 4,0 e daranno vita ad una proposta progettuale in linea con uno dei temi dell’Agenda 2030 sugli Obiettivi Sostenibili di Sviluppo delle Nazioni Unite. I cui risultati il team spera di condividere con i rappresentanti delle istituzioni locali.

Giulia Monteleone

Altri articoli

Back to top button