In evidenza

San Severo: LA CITTA’ DEI SOLITI

Rendere San Severo una città vivibile non è un’utopia.

Oggi siamo tutti accomunati da un senso di sfiducia verso la politica a causa di personalità che  negli ultimi anni hanno malamente amministrato la nostra città facendola affondare in un forte

 

degrado.

Si può migliorare, basterebbe dare fiducia a persone nuove e giovani. Nella nostra città i giovani non hanno mai avuto spazio, non fanno testo, sono costretti ad andare altrove spesso al Nord per vedere realizzati i propri sogni. Eppure i GIOVANI sono sempre stati indice di rinnovamento, di rinascita, di purezza, di IDEALI INCONTAMINATI da corruzione e clientelismi.

Siamo in un periodo storico in cui la realtà sembra immutabile, ma tra noi si deve far strada l’idea che il cambiamento è possibile e che il peso dell’esperienza e della maturità dell’adulto debbano essere d’aiuto alla realizzazione dei buoni propositi giovanili.

Per cambiare la città i GIOVANI QUALIFICATI devono scendere in campo e i cittadini devono avere il coraggio di affidarsi a persone che non vogliono “mangiare” di politica ma che vogliono intervenire attivamente perché motivate dalla volontà di rendere vivibile la nostra città.

LA RINASCITA E’ POSSIBILE, l’importante è diffidare da gente che promette a tutti falsi posti di lavoro, da gente che in questo periodo finge di essere operosa, finge di amare la natura, o di preoccuparsi per i disabili, elementi e persone da sempre esistiti ma di cui nessuno si è mai preso cura se non in tempo di elezioni.

Ho deciso di intervenire schierandomi nel partito POPOLARI PER L’ITALIA il quale ha aderito alla COALIZIONE BENE COMUNE con MIGLIO FRANCESCO SINDACO.

Le mie priorità riguardano sia i giovani intesi come risorsa per il futuro, sia il  miglioramento della città da un punto di vista civico e urbanistico, risollevando la città dall’incuria degli ultimi anni, riqualificando il nostro centro storico e eliminando ogni tipo di barriera architettonica.

La  mia volontà, le mie idee e i miei studi a riguardo, insieme al consenso di chi crede nelle mie qualità possono contribuire a cambiare in meglio la nostra città.

Anna Rita La Donna

Altri articoli

Back to top button