ComunicatiIn evidenza

SAN SEVERO: La grande “foglia di fico” sul parco Baden Powell.

Di Dante Scarlato e Michele Sales

È con rammarico che dobbiamo constatare come l’azione amministrativa di questa Città faccia sempre più fatica a guardare in faccia alla realtà con franchezza, ciò è reso in maniera ancor più plateale dalle iniziative pubblicizzate.
È il caso del Parco Urbano Baden-Powell, inaugurato il 28 maggio 2015, e più volte oggetto di atti vandalici da parte di ignoti durante questi primi 7 anni di vita, cui si è accompagnata la totale indifferenza delle autorità preposte.
L’Amministrazione Comunale, dopo lungo tempo (circa 400 giorni), sembra essere uscita dal torpore grazie alle sollecitazioni di alcuni cittadini e alle interrogazioni consiliari perorate dal consigliere comunale Rosario di Scioscio ed altri consiglieri di opposizione, ed in questi giorni si è pensato bene di intervenire con piccoli lavori di sostituzione di giostrine rotte e con un piccolo e frettoloso restyling.
La fretta dei lavori è fatta palese dal fatto che non è stata fatta alcuna messa in sicurezza dei tavoli e delle panchine in pietra (gravemente pericolanti), né sono state ripulite dagli spray dei graffitari di turno. I lavori sono stati sugellati, come comunicato dall’amministrazione, con “una sobria cerimonia d’inaugurazione” che si è tenuta oggi alle 17:30, alla presenza di alcuni amministratori comunali..
Ormai si è compreso quanto quest’amministrazione sia più dedita ad inaugurare che a preservare, anche quando si tratta di opere notoriamente incompiute: il Parco Baden-Powell è nato per essere il “polmone verde” della Città ma con i suoi 17mila metri quadri di estensione ospita un numero irrisorio di alberi, che non creano sufficiente ombra né protezione. È una realtà che andrebbe curata quotidianamente, ma che viene riscoperta solo per inaugurazioni su inaugurazioni o per eventi che poco hanno a che fare con la sua vocazione naturalistica.
Ora ben comprendiamo la frustrazione di molti nostri concittadini che si vedono costretti ad andare altrove per trovare servizi ed intrattenimento, vista la sostanziale inesistenza di aree verdi e di svago per i più piccoli, dato che a questo disservizio si aggiunge il discusso cantiere della Villa di San Severo che sembra essere in via di ultimazione.

Altri articoli

Back to top button