ComunicatiPrima pagina

SAN SEVERO: MA QUALE CRISI? I COMMERCIANTI SANSEVERESI NON LA SENTONO!

San Severo, i commercianti di via Tiberio Solis e “non solo” rispondono alla crisi: “Crisi? Ma quale crisi”?
….è bello constatare che i commercianti di via Tiberio Solis, San Severo, e “non solo”, non subiscono alcuna crisi. Covid, Economia, Inquinamento,… roba da terzo mondo. In Italia si susseguono giorno dopo giorno manifestazioni, proteste d’ogni genere, mentre qui in questo paese il Popolo delle Partite IVA vive una realtà completamente diversa, nonostante la Provincia di Foggia sia costantemente agli ultimi posti nelle classifiche per “qualità” della vita. Evidentemente San Severo è una piccola isola felice dove le lacrime scorrono altrove. Ne vogliamo una prova? Ebbene, due giorni fa, io personalmente, ho distribuito un volantino a tutti gli esercenti di Via Tiberio Solis e “non solo”. Il volantino, diretto a tutto il popolo delle P.IVA, si prefigge di manifestare il proprio dissenso verso la “politichetta” che sta distruggendo le attività degli autonomi. Ho raccomandato coloro che hanno ricevuto il piccolo volantino di esporlo in vetrina, quale segno di solidarietà verso le centinaia di migliaia di attività autonome che rischiano la “chiusura totale”. In serata e stamane, mi son preso l’onere di andare a controllare le vetrine di via Tiberio Solis e con “grande soddisfazione” ho contato un numero di esercenti, che hanno esposto il volantino, inferiore alle dita di una mano. Bene, mi son detto, è evidente che i commercianti di Via Tiberio Solis non accusano alcuna crisi, se la passano bene e pertanto, li giustifico, che bisogno c’è di esporsi per una causa che non ha senso d’esistere? Ergo, considerando la buona salute delle attività private di questo paese, ho considerato che sarebbe meglio aiutare le attività autonome di altri luoghi d’Italia. Non me ne vorranno gli amici esercenti di San Severo, se d’ora innanzi spenderò le mie poche risorse in esaurimento in quelle attività che mostrano gravi situazioni economiche. D’altronde una rondine non fa primavera e non sarà il caso di prestare attenzione ad uno come me che comunque, da oggi in poi, si rivolgerà altrove per gli acquisti; Amazon, perché no? On line, perché no? I Centri Commerciali, perché no?
Bene, voglio augurare a tutti coloro che seguono le indicazioni di Confcommercio, di Confesercenti, di Confartigianato e di tutti gli altri sindacati di categoria, un Buon Natale e Felice Anno Nuovo. Ah, dimenticavo, consiglierei di decidere in fretta per le luminarie di Natale, non vorrei che i cittadini venissero privati dei meravigliosi addobbi che ogni anno rendono riconoscibile in tutto il mondo la GRANDE BELLEZZA sanseverese.
Pietro Albanese (SCRIVO A TITOLO PERSONALE)

Altri articoli

Back to top button