CulturaPrima pagina

San Severo: NATALE IN CASA ‘CESELLO’

In questi giorni mi è capitato di ascoltare il racconto di un amico che ha raccolto le sommesse lamentele di un vecchio artigiano, soprannominato <<CESELLO>> (per la sua abilità nel cesellare mattonelle decorative) che abita in una modesta casa del centro storico di San Severo. Dalla sua finestra si scorge il campanile della Chiesa di San Giovanni in Piazza Castello ((nella foto)). L’artigiano, sprofondato su una vecchia poltrona (dopo l’abbondante pranzo natalizio consumato con la famiglia di suo figlio), degustava un po’ di caffè appena sgorgato dalla sua inseparabile caffettiera napoletana e stava cedendo all’abituale “pennichella” che inizia con il tentennare della testa del dormiente per poi terminare in un sonno profondo. Fu svegliato bruscamente dal fracasso dei nipoti che si apprestavano ad uscire di casa per farci ritorno all’alba del giorno dopo. “Ma questi ragazzi vanno tutti di fretta – bofonchiò il vecchio artigiano – non ci si può fermare un momento a parlare, a discutere. Non li vedo quasi mai, poi persino a Natale non riesco a comunicare con loro, a scambiare due chiacchiere”. <<Oggi è così – disse la moglie EVELINA – oggi è così in quasi tutte le famiglie>>. EVELINA, maestra d’asilo in pensione, si sedette vicino al termosifone, sospirò e continuò a parlare: “Questi ragazzi parlano un’altra lingua, anzi, un altro linguaggio. In certe famiglie si crea solo un’apparente fusione di rapporti tra generazioni di nonni, figli e nipoti. Sino agli anni ‘60, i racconti, la memoria dei fatti vissuti, la comunicazione tra nonni e nipoti, tra padri e figli, costituivano un formidabile lascito generazionale. Oggi, gli anziani, i pensionati, i nonni di questa epoca, si trovano a fare i conti con la “trasformazione antropologica” dei nipoti. Qualcosa di simile lo si trova nella commedia di EDUARDO “Napoli Milionaria”. Si sa che il protagonista, GENNARO JOVINE, durante l’occupazione tedesca, finisce in un campo di concentramento e di lui non si sa più nulla. Poi improvvisamente, nel dopoguerra, torna nella sua casa e trova la famiglia disgregata senza più valori morali. Inoltre, GENNARO, quando parla della sua terribile esperienza in guerra, non troverà nessuno che lo voglia ascoltare. Inutilmente cercherà di raccontare le tragedie di morte e distruzione di cui è stato testimone. Nessuno vuole ascoltarlo, non c’è comunicazione. Viene considerato un moralista fastidioso da chi non vuole fare i conti con la realtà. “Brava EVELINA, mi sei piaciuta con l’esempio di GENNARO JOVINE – ribattè suo marito – un esempio di un capo-famiglia inascoltato e che tutti volevano “rottamare”, ma alla fine sarà lui, sì proprio lui, a prendere in mano la situazione, a ricostruire la famiglia disgregata e a darle un futuro di rinascita. Del resto che fine avrebbe fatto l’Inghilterra se, nel 1940, anziché affidarsi al sessantaseienne WINSTON CHURCHILL, per giunta reduce da una quarantennale attività parlamentare, si fosse affidata a un giovane virgulto nella guerra contro la Germania nazista? Attenzione a non scambiare la giovinezza per virtù e l’anzianità per un rottamato. Gli esempi di vecchi in gamba e di giovani invecchiati male sono frequenti. Basta l’esempio di chi amministra questa città”.

Altri articoli

Back to top button