CronacaIn evidenza

San Severo: Vaccini, Caos in via Croghan: Ecco come sono andati i fatti

di Ines Macchiarola

Tra sabato e domenica, è scoppiato il caos in via Croghan per una settantina di persone assembrate davanti al ‘Centro diurno per anziani’ indicato dall’Asl di Foggia come punto vaccinale unitamente a quello allestito presso il Centro ospedaliero Teresa Masselli Mascia.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la più totale confusione informativa e comunicativa sarebbe stata generata da un sovrapporsi di notizie contrastanti, alcune destituite di fondamento. Dalle indiscrezioni raccolte da Gazzetta al momento dei fatti, alcuni cittadini non appartenenti alle categorie fragili, avrebbero deciso di recarsi presso il punto vaccinale in seguito ad alcune fake news circolate via web e sottoforma di passaparola.

Altri ancora, avrebbero lamentato file interminabili e lunghe liste di attesa per ‘decine di famiglie che avrebbero dovuto vaccinare i propri congiunti diversamente abili’.

In diversi, invece, hanno evidezianto l’assenza di strumenti per prenotarsi, quando al contrario le comunicazioni sanitarie ufficiali dicevano a chiare lettere che le persone in lista sarebbero state chiamate dall’Asl di Foggia.

Un affastellarsi di disinformazione illogica e irrazionale uscita fuori il controllo di chi poi si è trovato in prima fila a fronteggiare una folla inferocita di cittadini confusi ed esausti. In mezzo, c’è chi se ne sarebbe approfittato, buttando altra benzina sul fuoco e magari sfruttando la circostanza come leva e strumento di lotta politica. Il condizionale di circostanza è d’obbligo. Così, La Gazzetta di San Severo ha deciso di sentire oggi ai suoi microfoni chi ha vissuto in prima persona questi eventi.

Di Ines Macchiarola e Michele Sales, 12 aprile 2021

Altri articoli

Back to top button