CronacaIn evidenza

San Severo: vasta operazione antidroga “DRUG ROOM”. I nomi

A partire dalle prime ore della decorsa notte, i Carabinieri della Compagnia di San Severo (FG), militari del Comando ProvincialeCarabinieri di Foggia, Sio 10° Rgt Campania e Sat 11° Rgt cc Puglia, unitamente ai Reparti specializzati dell’Arma dei Carabinieri (Carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Puglia), con l’ausilio di un elicottero e unità cinofile, hanno dato esecuzione, in San Severo (FG), a un’Ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari pressoTribunale di Foggia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 6 soggetti, di cui 3 già sottoposti, per altra causa, a custodia cautelare in carcere, ed 1 soggetto già ai domiciliari, indagati, ognuno a vario titolo, per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti, continuata e in concorso, commessi nel periodo compreso tra il novembre 2020 ed il giugno2021, nel territorio di San Severo.

L’attività di indagine è stata condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di San Severo (FG) sotto la direzione ed il coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia.

Tra i coinvolti figura anche il 30enne Salvatore Lombardi, ucciso ad aprile scorso da un minorenne reo confesso. Gli altri arrestati sono Benito Di Canito, 31 anni, volto noto agli inquirenti, Fabio La Pietra, 21 anni, Alessio Vaglia, 21 anni, Michele Cristino, 21 anni e Nicola Forte, 39 anni.

Tale articolata attività di investigazione è nata come una “costoladi una pregressa operazione di fine 2020, nella quale uno degli attuali indagati era indagato della esplosione di colpi d’arma da fuoco nei confronti di un altro soggetto sanseverese, con il verosimile intento estorsivo, per pregressi debiti non estinti dalla vittima, il tutto, almeno in una prima fase, apparentemente scollegato dal mercato criminale della droga. La denominazione “Drug Room”, data convenzionalmente all’indagine, fariferimento ai luoghi individuati dalla polizia giudiziaria come quelli in cui si svolgeva l’attività di spaccio, ossia una vera e propria “camera della droga” realizzata all’interno di uno stabile di edilizia popolare, controllata h24 da videocamere e persone complici, nonché alla difficoltà nel districarsi all’interno del predetto stabile, poiché gli abusi edilizi creati all’interno comportavano la possibilità per gli indagati di nascondere o disfarsi agevolmente dello stupefacente all’atto dell’intervento delle Forze dell’Ordine. L’attività in questione può essere quindi considerata come “gemella” di un’altra operazione svolta, precedentemente, sempre dal N.O.R. della Compagnia di San Severo, conclusasi con 3 ordinanze di custodia applicative degli arresti domiciliari, denominata “mini Market” ed eseguita nelfebbraio 2022. Infatti, l’attuale saletta di spaccio è ubicata all’interno del medesimo complesso di edilizia popolare del centro sanseverese, dove in qualche modo si verificava in parallelo una sorta di concorrenza tra i due locali di spaccio. In particolare, il locale destinato alla vendita sembrava, anche in questo caso, un vero e proprio mercatino della droga, perché vi era la presenza di un ripiano dove venivano forniti ai clienti vari tipi di sostanza stupefacente, come eroina, cocaina, marijuana e hashish.

Le indagini, che hanno consentito di individuare i canali di approvvigionamento sempre dall’hinterland sanseverese, nonché dal vicino Molise, si sono articolate in servizi di osservazione, pedinamento e controllo, in attività di intercettazione (telefoniche e ambientali) ed in attività di riscontro alle stesse, con conseguenti arresti in flagranza e sequestri di sostanze stupefacenti. Nel corso della stessa, in particolare, sono stati sequestrati complessivamente circa 220 grammi di cocaina, 20 grammi di marijuana, 220 grammi di hashish e 20 grammi di eroina nonchéla somma contante pari a circa 16.000,00 euro. Ad ulteriore riscontro di quanto emerso nel corso dell’attività di P.G. diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, sono stati effettuati 4 arresti in flagranza di reato e 3 deferimenti in stato di libertà per detenzione fini di spaccio di sostanze stupefacenti, 1 deferimento per evasione dagli arresti domiciliari e  segnalati 7 assuntori di droga in prefettura.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari; dunque si precisa che, al momento, a carico degli indagati arrestati sono stati acquisiti unicamente indizi di colpevolezza, ritenuti dal GIP di tale gravità da legittimare l’applicazione delle misure cautelari eseguite. Si intende quindi affermare infatti come gli indagati non vadano considerati colpevoli fino alla condanna definitiva.

Tale ennesima operazione antidroga testimonia, ancora una volta, il costante ed incisivo impegno della Magistratura di Foggia e dell’Arma dei Carabinieri nel contrasto delle attività delittuose del Circondario, aventi come core business il narcotraffico, a tutela quindi dei cittadini del territorio e delle relative Comunità.

Altri articoli

Back to top button