EventiPrima pagina

SAN SEVERO WINTER JAZZ FESTIVAL – 1° APPUNTAMENTO VENERDI 29 OTTOBRE – ISRAEL VARELA

Primo appuntamento della stagione che vede un super trio internazionale e la presentazione di un progetto musicale che ha riscosso ampio successo di pubblico e critica specializzata in tutto il mondo.

Con “The Labyrinth Project”, l’affermato compositore, batterista e cantante messicano ISRAEL VARELAin passato a fianco di Charlie Haden e Pat Metheny, ha riunito in una formazione cosmopolita, artisti internazionali dalle eterogenee radici culturali ed etniche.

Ne nasce un mix artistico con musica originale, composta dallo stesso Israel Varela, di grande e raffinata ricerca di cui nel 2019 è uscito il disco pubblicato da Jando Music. Un viaggio pieno di colori arricchito da momenti di pura improvvisazione che fa di ogni concerto una storia tutta da scrivere.

Con I S R A E L  V A R E L A (batteria, voce & live electronics) il virtuoso pianista tedesco FLORIAN WEBER, protagonista di un crescendo di prestigiosi riconoscimenti, tra i quali il Premio Stainway a Montreaux e nel 2013 ha vinto l’ECHO Jazz come miglior pianista dell’anno e il contrabbassista Algerino-Francese MICHEL BENITA, acclamato mondialmente e vantare collaborazioni con Dhafer Youssef, Andy Sheppard, Nguyen Le, Erik Truffaz e Peter Erskine.
Entrambi appartenenti alla prestigiosa scuderia discografica ECM.

“L’evoluzione spirituale è sempre stata parte dell’identità artistica di Israel Varela”.

La sua originalità e il suo stile distintivo gli hanno permesso di esibirsi con i massimi esponenti del Jazz, del Flamenco, della musica Classica e del Pop, come: Pat Metheny, Charlie Haden, Mike Stern, Yo-Yo-Ma, Victor Bailey, Abe Laboriel, Pino Daniele, Diego Amador, Rita Marcotulli, Karen Lugo, Andrea Bocelli, Joaquin Cortes, Jorge Pardo, Richard Bona, Carles Benavent, Dwiki Darmawhan, Enrico Rava, Chano Dominguez, Markus Stockhausen, Andy Sheppard, Maria Pia de Vito, Kamal Musallam, OSEM Symphony Orchestra, Baja California Orchestra, Gary Willis, tra molti altri.

Vincitore dell’Euro Latin Award, è uno degli artisti più affermati della sua generazione e negli ultimi quindici anni è stato uno dei musicisti Jazz / World / Flamenco più richiesti in Europa, Asia, Medio Oriente e America, viaggiando costantemente in tutto il mondo ed esibirsi nei più grandi teatri e Festival Jazz

Nato nel 1979 a Tijuana, in Messico, Israel è cresciuto in una famiglia di pianisti, chitarristi e direttori d’orchestra. Ha iniziato ad esibirsi in pubblico sin da piccolo, cantando e suonando il pianoforte. All’età di dodici anni, iniziò a studiare batteria e percussioni sotto la guida di Gonzalo Farrugia e Andrei Tchernishev, iniziando cosi ad esibirsi con le migliori band locali.

Un punto di svolta nella sua vita è avvenuto nel 1995 quando il suo talento venne scoperto dal grande Alex Acuna. All’età di quindici anni studia a Los Angeles privatamente con Alex Acuna e successivamente con Dave Weckl sempre privatamente per un periodo di 3 anni.

Nel 2002 si trasferisce in Italia, dove ha studiato al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma.
Ha pubblicato dieci album con la sua musica come Band Leader.

Come produttore lavora presso il rinomato Forward Studios di Grottaferrata, dove ha prodotto diversi dischi di cui uno degli ultimi lavori e’ stata la produzione del disco dell’artista spagnolo Diego Amador con il suo album “VIVIR”(Nuevos Medios)

FLORIAN WEBER:
———————

nato a Detmold nel 1977, pianista della rinomata etichetta ECM, ha studiato al Berklee College of Music di Boston, poi a New York con il sassofonista Lee Konitz con il quale ha registrato nel 2007 «Deep Lee». Nel 2002 ha fondato il Trio Minsarah, esteso a quartetto nel 2006 con l’ingresso di Konitz. Weber ha lavorato anche a fianco di Tomasz Stańko, Michael Brecker, Pat Metheny e Albert Mangelsdorff ed è stato il primo pianista jazz tedesco a partecipare a una registrazione live nel club di New York e a suonare al Winter Jazzfest di New York, all’Angel City Jazz Festival di Los Angeles e al Tokyo Jazz Festival. Nel 2013 ha vinto l’ECHO Jazz come pianista dell’anno. Si esibisce con orchestre filarmoniche in repertori che comprendono i concerti di Mozart, Ravel e Gershwin.

MICHEL BENITA:
———————

uno dei contrabbassisti di punta della scena jazz francese, nato ad Algeri dove ha iniziato a suonare e ad appassionarsi alla musica inizialmente come chitarrista e poi, dopo aver conosciuto il jazz, come contrabbassista. Emigrato a Parigi nel 1981 iniziò a lavorare con Marc Ducret e poi via via ha inanellato collaborazioni con Horace Parlan, Lee Konitz, Archie Shepp, Joe Lovano, e Bobo Stenson e poi ancora con Dewey Redman, Peter Erskine, Eivind Aarset, Rita Marcotulli, Paolo Fresu, Erik Truffaz, Andy Sheppard, Dhafer Youssef, Nils-Petter Molvær e Nguyèn Lè, uno dei tanti musicisti orientali che ha coinvolto nei suoi gruppi e nelle registrazioni a proprio nome. Negli ultimi anni è entrato nella scuderia dell’etichetta ECM con cui ha pubblicato l’anno scorso il disco River Silver. Per la cantabilità del suo fraseggio viene paragonato spesso ai contrabbassisti del Nord Europa come Arild Andersen e Palle Danielsson ma nelle geometrie del suo accompagnamento si riconoscono bene le lezioni di Scott LaFaro e di Charlie Haden. L.S.

Il meglio del jazz in Capitanata solo con il San Severo Winter Jazz Festival

EVENTO 29 Ottobre FUORI ABBONAMENTO  – Ingresso € 20,00 

[Accesso Gratuito per i possessori di abbonamento della passata edizione che fu annullata causa lockdown]

Costo Abbonamento 6 Eventi € 100,00

Biglietto serale € 20,00 – ABBONARSI CONVIENE –

Abbonamento Ridotto Ragazzi € 60,00

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – ACCESSO CONSENTITO CON GREEN PASS O ATTESTAZIONE TAMPONE NEGATIVO ENTRO LE 48 ORE DATA EVENTO

Info e Prenotazioni

348 04 22 174 – Assoc.Amici Jazz S Severo

342 10 38 402 – Spazio Off

Altri articoli

Back to top button