ComunicatiIn evidenza

San Severo: L’AIUTO DEL COMUNE A MALATI COVID E ANZIANI

L’Editoriale di Desio Cristalli

Un’ottima iniziativa è stata messa in cantiere dal nostro Comune, seguito di quanto già fatto durante il lockdown che ci costrinse…ai domiciliari nella scorsa primavera. Ci riferiamo ad un concreto aiuto ai malati COVID e a tanti anziani che vivono soli o che, comunque, non hanno persone che per i motivi più disparati possono aiutarli. Proprio in questo numero della nostra GAZZETTA tale iniziativa, certamente condivisa da tutti gli amministratori in carica, è stata annunciata dal Vice Presidente del Consiglio Comunale ENRICO PENNACCHIO. E’ una importante decisione che, contando sull’inesauribile buona volontà ed altruismo dei volontari di casa nostra, agevolerà la vita di persone in enorme difficoltà. Non sarebbe male che il Comune distaccasse un paio di dipendenti a coordinare tale attività fino al superamento di questa maledetta pandemia, rendendo di routine il compito di sostegno ai concittadini con palesi difficoltà d’ogni genere (acquisto di medicinali, approvvigionamento di generi di prima necessità, consegna ai laboratori di campioni di sangue e urine da analizzare e successivo ritiro dei referti, ecc.). Si tratta indubbiamente di un servizio pubblico GRATUITO che riveste in un periodo così delicato un’importanza sociale straordinaria, atteso che consentirà a tante persone bisognose di poter continuare a vivere in regime di dignità umana e non di misera e triste sopravvivenza. E’ insomma un titolo di merito di alta gratificazione materiale e soprattutto morale per il nostro Comune che porta San Severo al passo coi Comuni più evoluti del nostro Paese, molti dei quali tali servizi li attuano sempre…anche in tempi di pace! Siamo certi che, strada facendo, potranno mettersi a disposizione del Comune anche un po’ di cittadini che, magari pensionati in buona salute, abbiano uno spiccato senso di solidarietà nei confronti del prossimo sofferente o estremamente indigenti. A questo proposito non sarebbe male che il Comune lanciasse ad associazioni e singoli cittadini un APPELLO ALLA SOLIDARIETA’ che potrebbe portare altre braccia e gambe utili alla causa. Questa gente esiste di sicuro, va solo cercata e attivata con garbo e convinta riconoscenza.    

Altri articoli

Back to top button