Comunicati

“Servizi di Supporto” – Occorre ridare dignità ai lavoratori e maggiore efficienza ai servizi offerti ai cittadini.

Il nostro assessore di riferimento, dr. Antonio Cicerale, durante il suo incarico, ha focalizzato l’attenzione anche sui “servizi di supporto”, in sostanza sul “lavoro” che il Comune di San Severo acquista da alcune “cooperative”.

In realtà il Comune dovrebbe acquistare servizi e non forza lavoro.

Da diverso tempo ben 52 lavoratori dipendenti delle cooperative si vedono “protrarre” il proprio rapporto di lavoro con “deroghe” di alcuni mesi che alla fine dei conti non garantiscono nè una vera programmazione delle attività del personale comunale nè la piena dignità di queste persone.

Proprio per porre fine a questo “precariato” il nostro assessore, dr. Antonio Cicerale, aveva coordinato le attività propedeutiche e necessarie per addivenire alla reale e concreta individuazione dei servizi “essenziali”, al fine di definire il migliore indirizzo sia per l’Ente comunale che per i 52 lavoratori.

Nello specifico aveva interessato tutta la tecnostruttura (dirigenti) per conoscere il fabbisogno reale di “servizi” all’interno degli uffici comunali nonché l’esatto utilizzo delle singole risorse, che nei mesi risultavano addirittura smembrate dall’originario servizio per il quale le cooperative le avevano assunte, e per ricevere le dovute garanzie sull’autonomia di ogni singolo ufficio rispetto alla “forza lavoro” acquistata dalle cooperative.

Tutte questo al fine di addivenire ad un eventuale bando di gara che rispettasse tutte le normative vigenti e che garantisse la migliore efficienza per tutta la cittadinanza.

A riprova della non efficiente gestione fino a quel momento tenuta su questo argomento, a titolo meramente esemplificativo, l’Assessore ha posto l’attenzione su un bando di gara, non ancora scaduto, che richiedeva, per i “servizi” a supporto del MAT, figure di una professionalità tale da essere remunerate secondo il contratto di “Ferderculture” con un aggravio di costi per il Comune di San Severo di circa 70mila euro.

La Svolta per San Severo ritiene, aldilà delle eventuali irregolarità che saranno sottoposte agli organi competenti nelle sedi opportune, che l’Amministrazione Comunale debba definire, alla luce delle imminenti scadenze delle ulteriori proroghe concesse , tutta la problematica esposta garantendo migliori servizi e doverosa dignità a tutti i lavoratori.

Altri articoli

Back to top button