Comunicati

Servizio Civile: al via l’ultimo progetto, frutto della collaborazione con il Comune di Torremaggiore e la Parrocchia cittadina “Santa Maria della Strada”

Ha preso il via a Torremaggiore l’ultimo dei quattro progetti di Servizio Civile Nazionale avviati dalla ASL Foggia per gli anni 2018-2019.
Frutto della collaborazione con il Comune di Torremaggiore e la Parrocchia cittadina “Santa Maria della Strada”, il progetto “Venite… conosco un posticino”, di cui la ASL Foggia è ente capofila, vedrà impegnati quattordici volontari in attività a sostegno delle fasce più deboli della popolazione.
Tre sono le sedi di progetto: il Comune, la Parrocchia e il Servizio per le Dipendenze di Torremaggiore.
Nel primo caso, è stato attivato, presso l’Ufficio dei Servizi Sociali comunale, uno sportello informativo volto a fornire alla popolazione anziana e alle persone disabili, consulenza e informazione sui servizi a loro dedicati.
I volontari assegnati al Ser.D. saranno, invece, impegnati in attività di promozione della salute, di socializzazione e di inclusione sociale delle persone in riabilitazione.
Finalizzate al coinvolgimento e all’aggregazione sono, infine, le attività che vedranno coinvolti i volontari della Parrocchia. Spazio, dunque, a laboratori di attività manuali, di tombolo, cucina, piccola falegnameria ed oggettistica per valorizzare gli antichi mestieri e trasformarli in opportunità occupazionali per i giovani. Per recuperare le tradizioni, gli aneddoti, le filastrocche locali, invece, saranno attivati laboratori artistico-creativi.
Per favorire cambiamenti positivi nello stile di vita, infine, i volontari coinvolgeranno la popolazione in attività motorie in palestra, in gite e passeggiate nel verde e in “gruppi di cammino” attraverso l’individuazione di itinerari d’interesse culturale e turistico.
Previsti, inoltre, interventi domiciliari di supporto, volti a sostenere le persone fragili nelle loro necessità di compagnia e di mobilità esterna.
Grazie all’esperienza positiva di Torremaggiore, la ASL Foggia, attraverso l’Ufficio di Servizio Civile, è già pronta a nuove co-progettazioni grazie alle quali, nell’ottica del servizio civile universale, sarà possibile aumentare le sedi di progetto e, di conseguenza, il numero dei volontari da impegnare.

Altri articoli

Back to top button