ComunicatiIn evidenza

Si è concluso con successo il 23° Smile Day organizzato dall’Associazione “La Città dei Colori”

Nella giornata del 7 giugno 2022 si è svolto, dopo due anni di pausa, causa pandemia, il 23° Smile Day organizzato dall’Associazione “La Città dei Colori” con sede legale in San Severo (www.lacittadeicolori.it), in collaborazione con il Comune di San Severo, la Proloco di Margherita di Savoia  e con il patrocinio del Comune di Margherita di Savoia.

Destinazione Margherita di Savoia.

Il titolo è già esplicativo del tema di questa giornata “Il giorno del sorriso”.

Sono state infatti piacevolissime ore all’insegna della spensieratezza, dell’allegria, della gioia, della serenità. E soprattutto dell’inclusione, quella vera, reale, tangibile.

La Città dei Colori con l’ausilio dei volontari che partecipano con motivazione e affetto è una realtà straordinaria, necessaria per colmare le lacune del sistema nazionale per ciò che concerne l’attenzione fattiva nei confronti della disabilità.

Più di una volta i vari ragazzi hanno affermato che la Dottoressa Grazia Villani, Presidente dell’Associazione, è per loro come una mamma ed è verissimo: l’amore incondizionato che dimostra nei confronti di tutti indistintamente questi ragazzi è un’esatta imitazione di quello materno. La sua generosità, anche dal punto di vista economico, il suo spirito di sacrificio, l’entusiasmo, il suo esserci sempre accanto a ciascuno di loro le consegna certamente il titolo di mamma ad honorem.

Ma, come la Dottoressa ama dire, La città dei Colori è un’orchestra, in cui ognuno dei facenti parte ha un proprio strumento che custodisce con cura e suona con perizia e partecipazione, dimostrando che il direttore d’orchestra è importante, ma non può aversi una musica armoniosa se i musicisti non suonano tutti, uniti e compatti. Senza nessun solista, se non per determinate esigenze, e con la gioia di sentirsi parte integrante di una squadra solidale, senza discriminazione alcuna. Ognuno con il proprio ruolo ma tutti sullo stesso scalino. Nessuno più in alto e nessuno più in basso: tutti allineati per superare per mano le difficoltà. La vita non è una gara, ma un cammino e se la strada si percorre l’uno accanto all’altro si ha sempre la possibilità di appoggiarsi e vincere la fatica, la stanchezza, talora la paura. E al tempo stesso di abbracciarsi e condividere i successi, i progressi, i sogni.

La splendida giornata del 7 si è aperta con l’incontro di tutti i partecipanti a Piazzale  Padre Pio dove, accanto a luminosi raggi di sole, c’erano le braccia aperte e i volti sorridenti di tutti i volontari e della stessa Dottoressa. Dato l’elevato numero delle persone presenti si sono formati vari gruppi, egregiamente organizzati su pullman e auto, con ausilio di cartellini identificativi per ciascun ragazzo.  Ad ognuno di loro, come sempre, l’Associazione non ha lesinato regali: un cappellino, una sacca colorata ed un monocolo, utile per poter ammirare i fenicotteri in prossimità delle saline.

All’arrivo a Margherita di Savoia è stata preparata un’invitante colazione per tutti e poi è stata celebrata la Santa Messa, officiata dal vescovo S.E. Mons. Giovanni Checchinato insieme a Don Salvatore Ricci. Anche la Celebrazione è stata all’insegna del sorriso, con canti religiosi, gioiosi e animati e preparati da Alessio e Chiara Caposiena,  che hanno permesso di sentirsi maggiormente vicini a nostro Signore, in un clima festoso di serenità e letizia.

Il Sindaco di San Severo, Francesco Miglio e l’Assessore alle politiche sociali, Simona Venditti, unitamente al Presidente della Pro loco di Margherita di Savoia, sono intervenuti per portare il proprio saluto e far sentire la propria vicinanza. Disponibili ad abbracci e foto con i presenti.

Arrivata l’ora del pranzo ci si è divisi in gruppi per prendere posto in alcuni ristoranti della città, dove sono continuate l’allegria e la spensieratezza e dove per i “nostri” ragazzi si è resa possibile una bella occasione di socializzazione e comunanza.

Non dimentichiamo mai che questi ragazzi sono spesso avvolti da una mantella di solitudine che li priva non solo del sorriso, ma di una cosa importantissima ed imprescindibile: l’amicizia. E nessuno può vivere senza amici. Questa giornata fa recuperare l’esatto baricentro,  fornendo una possibilità reale di socializzazione, integrazione ed inclusione.

La piacevole brezza di mare ha allietato i tempi del pranzo, terminato con  deliziose  torte dedicate all’evento.

Successivamente ci si è recati alle saline ad ammirare i fenicotteri che popolano la zona. Ed i monocoli regalati si sono rivelati molto utili e preziosi.

E’arrivato poi il momento più atteso dai ragazzi: l’incontro con la musica. Si è dato ampio spazio ai balli che hanno abbattuto ulteriormente ogni barriera e pregiudizio. Tutti, ma proprio tutti, hanno fatto rotelloni e sono scesi in pista e la disabilità si è disintegrata grazie ai volontari, ai familiari e agli accompagnatori che hanno consentito a tutti di partecipare, ciascuno in base alle proprie possibilità. Così come dovrebbe essere anche nella vita.

 Vedere tanta felicità è stato un momento commovente ed emozionante, che spinge a riflettere su quanto si potrebbe fare quotidianamente per accorciare le distanze e aprire brecce nei muri ancora esistenti nei confronti della disabilità.

Simone Maghernino ha cantato la sua canzone “Ali in tasca”, un inno all’inclusione e ad oltrepassare pregiudizi e differenze, guardando ad un mondo migliore, in cui a ciascuno sia riservata la possibilità di sognare e realizzare i propri desideri. Ad accompagnarlo con una bella e delicata coreografia di ballo, l’amica Roberta Schena.

A seguire la lettura di una poesia scritta da una madre non vedente per la propria figlia. Un momento di grande commozione.

Purtroppo anche le giornate straordinarie volgono al termine e così anche questa si è avviata al tramonto. Risaliti sui pullman e nelle auto, verso la strada del ritorno c’era molta stanchezza per una giornata ricca di vita vissuta e partecipazione. Ma sicuramente ognuno con un tesoro in più: la consapevolezza che includere, annullare le differenze e amare il prossimo è possibile davvero e che tanto si può e si deve fare,  affinchè la vita continui ad essere per tutti il più straordinario dei doni.

Grazie a “Mamma” Grazia Villani, perno dell’Associazione. Grazie alle sue collaboratrici preziose dott. Lina Esposto e Clara d’Aries.  Grazie al Direttivo e  a tutti i volontari che la affiancano, permettendole di realizzare idee ed eventi. Grazie a tutti i ragazzi e alle loro famiglie per la partecipazione attiva all’Associazione. Grazie al gruppo scout San Severo 3. Grazie agli intervenuti e agli sponsor che hanno contribuito a rendere possibile questa giornata fantastica. Ed un grazie speciale a nostro Signore, che ci è vicino e ci accompagna, anche quando pensiamo di non vederlo tra noi.

Ogni singolo componente dell’Associazione è una perla che rende preziosa l’intera collana. L’unione fa sempre la forza ed è per questo che La Città dei Colori è fortissima.

Luisa Sordillo

Carla Scarpa

Altri articoli

Back to top button