Prima paginaSport

SPORT DAY: RIFLESSIONI DI CULTURA SPORTIVA

di VANNI PELUSO CASSESE

Ho proprio l’impressione non essere più bastevole il calendario gregoriano a contenere la miriade di ricorrenze che vengono celebrate. Ormai i 365 giorni dell’anno solare sono proprio insufficienti ad ospitare la giornata della donna, quella mondiale della terra, o ancora quella dedicata al jazz, ma anche alla pizza, al pinguino, e perché no all’International Tea Day e… Eppure una volta i vari giorni segnati sul calendario celebravano esclusivamente i Santi. Anche loro, in verità, tanti. Le giornate mondiali dedicate a…sono ormai innumerevoli e spaziano dalle tematiche umanitarie di estrema rilevanza ad altre un po’ più banali. Non c’è giorno dell’anno che non sia intitolato a questo o a quel tema. Bene nei giorni scorsi, il 6 aprile, ma è così ogni anno, è stata celebrata la GIORNATA DELLO SPORT. Guarda un po’, un’occasione invero intrigante per la nostra riflessione settimanale. Ed allora ne approfitto senza indugio per farmi…ispirare e parlarne. Parto subito da NELSON MANDELA, il quale ha detto: <<Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono… Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione>>. Non è un caso che questa celebrazione del 6 aprile va sotto il nome di ‘International Day of Sport for Development and Peace’. Fin dall’antichità, infatti, lo sport ha rappresentato un vero e proprio strumento capace di fermare le guerre e il dibattito politico. La gente usava distrarsi dagli affari di stato per godersi le prestazioni degli atleti ai Giochi Olimpici. La storia ci dice che molte sono state le circostanze in cui il mondo si è…aggrappato allo sport per rimuovere ostacoli o correggere comportamenti. Come in occasione delle Olimpiadi Invernali di PyeongChang, quando durante la parata di apertura dei Giochi, le due Coree si presentarono sotto un’unica bandiera, cosa assolutamente impensabile prima di allora. Allo stadio olimpico accadde anche che il Presidente sudcoreano Moon Jae-in si è girato dal suo posto in tribuna e ha teso la mano a Kim Yo-jong, la sorella più giovane di Kim Jong-un, alla guida della Corea del Nord. Nell’aprile del 1971 in Giappone, durante il campionato del mondo di ping pong, fu una felice circostanza a fare in modo che i giocatori statunitensi e quelli cinesi stabilissero una vera e propria amicizia. Mettendo, così, lo sport al servizio della politica e della diplomazia di Washington e di Pechino al fine di…disgelare i rapporti tra le due nazioni. Nel 2016 a Rio de Janeiro il CIO istituì la squadra olimpica dei…rifugiati, per portare la loro crisi alla ribalta internazionale. Atleti originari della Siria, del Sud Sudan, dell’Etiopia e della Repubblica Democratica del Congo sfilarono nella cerimonia di apertura prima del paese ospitante, portando la bandiera olimpica. La Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo e la pace del 6 aprile rappresenta un’opportunità per riconoscere il ruolo che lo sport svolge nelle comunità e nella vita delle persone in tutto il mondo. E lo sport è un diritto fondamentale ed un potente strumento per rafforzare i legami sociali e promuovere lo sviluppo sostenibile, la solidarietà e il rispetto. “La pandemia COVID-19 ha reso difficile a squadre e fan di competere, giocare e tifare insieme. Le misure messe in atto per sconfiggere il virus hanno toccato ogni aspetto della nostra vita, compreso lo sport. Ma lo sport può contribuire a svolgere un ruolo nella costruzione della resilienza alla pandemia. Può aiutare nello sforzo di ricostruire e in meglio il nostro mondo”.

Altri articoli

Back to top button