ComunicatiIn evidenza

TANTE PROTESTE DEI CITTADINI PER I PROBLEMI DELLA RACCOLTA RIFIUTI

Sono tante le proteste dei cittadini per i problemi che si sono creati per la raccolta dei rifiuti solidi in città (con annessi olii fritti e d’altro genere). La realtà, purtroppo, non giustifica ma rende <<COMPRENSIBILE>> l’abbandono dei rifiuti ovunque nel territorio urbano ed extraurbano di San Severo. Il problema più grave riguarda i rifiuti particolari e quelli ingombranti, come mobili, elettrodomestici ed altri non conferibili quotidianamente davanti alle abitazioni. Iniziamo col dire che è già complicato riuscire a parlare con l’azienda che si occupa dell’igiene urbana, atteso che i numeri telefonici sono spessissimo occupati o squillano a vuoto. C’è chi ha provato per ore nelle mattinate dei giorni lavorativi senza riuscire a parlare per informazioni sui metodi di smaltimento di certi rifiuti. Lanciamo un APPELLO AL SINDACO E ALL’ASSESSORE AL RAMO FELICE CARRABBA perché vengano una buona volta affrontati e risolti i problemi che in materia assillano i cittadini che, non dimentichiamolo, pagano profumatamente una (esosa!) TARI al Comune. Pubblichiamo a seguire una lettera tra quelle pervenute in Redazione, insieme a tante segnalazioni telefoniche di disfunzioni e gravi lacune del servizio in questione. Ecco la lettera:

<<Scrivo alla GAZZETTA per segnalare un andazzo ingiustificabile relativo alla raccolta dei rifiuti urbani in genere. Dovevo smaltire un mobile già smontato a pannelli di legno ed altro. Inizialmente mi sono recato in Via Tardio nella zona PIP di Porta Foggia e ho trovato la sede chiusa per trasferimento nella zona ASI e con vari cartelli per il divieto di scarico. Dopo lunghe attese telefoniche sono riuscito a parlare con l’addetto al numero verde della ditta che ha l’appalto cittadino in materia. Ho spiegato il problema e mi è stato risposto che bisognava prenotare un appuntamento per il ritiro di rifiuti particolari da smaltire ma DOPO QUARANTA GIORNI!!! Credevo di non aver capito bene mentre era proprio così: 40 GIORNI! E’ possibile una cosa del genere? E il Comune permette che il servizio venga svolto a questa maniera? Io ed altri nelle stesse condizioni dovremmo tenerci le cose da buttare per quasi un mese e mezzo in casa…!!! Domanda: con che coraggio poi l’autorità fa multare e censura l’abbandono di rifiuti ovunque in città e nel resto del nostro territorio comunale??? Sarà il caso che venga rivisto il contratto d’appalto e che vengano sanate queste autentiche “piaghe” inconcepibili in una Città così grande che pare non essere più in grado di risolvere neppure problemi assurdi di questa gravità. Speriamo che in Comune si dia una mossa chi di dovere facendo creare una piattaforma sempre a disposizione della Cittadinanza perché diversamente rischiamo di venire presto sommersi da immondizie e rifiuti d’ogni genere>>.

LETTERA FIRMATA

 

 

Altri articoli

Back to top button