CronacaPrima pagina

TORNA A CASA VINCENZO IL SANSEVERESE SALVATO DAI MEDICI DEL RIUNITI DI FOGGIA

TORNA A CASA VINCENZO IL PAZIENTE COVID DI SAN SEVERO CHE CON LA SUA STORIA HA TOCCATO IL CUORE DI MOLTISSIME PERSONE.

“…TORNO DALLA MIA FAMIGLIA CONSAPEVOLE DI ESSERE ANCORA VIVO GRAZIE AI SANITARI DEL RIUNITI DI FOGGIA E ALLA  FEDE PER PADRE CIPRIANO DE MEO.”

“….Volevo ringraziare i medici del reparto rianimazione e malattie infettive e reumatologia del Riuniti di Foggia nonché il compianto Padre Cipriano De Meo, del quale custodisco gelosamente una collana da lui benedetta, per avermi salvato la vita.

Ringrazio anche tutte le testate giornalistiche per essermi state vicino e,  attraverso loro, aver permesso di testimoniare il miracolo che ho ricevuto e consentire a chi ancora non si convince della gravità della situazione di riflettere molto e collaborare affinchè presto si possa uscire fuori da questo terribile incubo….”

È con queste parole che Vincenzo, un paziente cinquantacinquenne di San Severo, gravemente  ammalato di Covid e che un mese fa ha ispirato una storia che ha parecchio commosso non  solo chi lo conosceva ma anche i tanti lettori che hanno avuto modo di leggere la sua storia, ha voluto esprimere attraverso una testimonianza da lui direttamente data il più totale compiacimento nei confronti di chi gli ha permesso di continuare praticamente a vivere.

Vincenzo era arrivato in condizioni critiche e a sirene spiegate presso l’ospedale riuniti di Foggia la sera del 14 di Dicembre.

Lo stesso con una gravissima polmonite bilaterale interstiziale, aggravata da embolie polmonari in atto, veniva immediatamente sottoposto a coma farmacologico, intubato e subordinato a continui cicli di pronazione.

Le speranze, stante le prime indicazioni fornite dai medici ai suoi familiari, compreso suo fratello Mauro autore del racconto che ha fatto conoscere la sua storia, erano davvero appese ad un filo.

Dopo diversi giorni passati sospeso tra la vita e la morte Vincenzo, costantemente seguito con un’abnegazione e uno spirito di sacrificio fuori dal normale dai sanitari foggiani,veniva svegliato e, dopo un passaggio in malattia infettive (reparto presso il quale dopo l’esperienza in rianimazione era stato spostato), riabilitato fino a ritrovare a casa, luogo ove attualmente si trova, l’abbraccio di sua moglie.

La speranza che Vincenzo nutre, una volta ripresosi completamente,  sarà quella di poter offrire da Operatore Socio Sanitario, un personale contributo al fine di concorrere a debellare il male del millennio.

Ironia della sorte,infatti, Vincenzo, due giorni dopo l’avvenuto ricovero in quel dell’ospedale di Foggia, avrebbe dovuto prendere servizio, proprio per contrastare questa terribile piaga, presso il carcere di San Severo. Questo dopo quasi 8 anni passati alla ricerca di un nuovo lavoro dei quali uno vissuto esclusivamente attraverso il contributo del reddito di  cittadinanza.

Come dire è piovuto sul bagnato nella sua vita. Ora però, grazie ai medici, agli infermieri, a tutti coloro i quali hanno gravitato attorno alla sua gravissima patologia e alla fede coltivata grazie a Padre Cipriano, per lui  un raggio di sole ora è lì pronto ad illuminare le sue speranze.

Sulmona, 11.01.2021

F.to

SUO FRATELLO

Mauro Nardella

Altri articoli

Back to top button