ComunicatiPrima pagina

Torremaggiore: al Fiani Leccisotti va in scena “Miseria e Nobiltà”

Nell’ambito del progetto Pon’ Teatro a scuola ‘martedi 7giugno , si è conclusa l’attività teatrale della scuola, con la messa in scena , nell’auditorium dell’ istituto, del testo più significativo di Eduardo Scarpetta: Miseria e nobiltà.
Regista dello spettacolo, quale esperta del PON e’ stata la prof.ssa M. Rosaria Guerra, tutor interno la prof.ssa Samantha Macchiarola.
Protagoniste sono due famiglie che vivono sotto lo stesso tetto in una casa povera spesso saltando i pasti, date le loro condizioni economiche, alle prese con la miseria ed in mezzo ai continui litigi provocati dalle donne di casa. Un giorno però la fortuna sembra averli beati, poiché si presenta un marchesino, il nobile Eugenio che ama Gemma, figlia di un cuoco arricchito ma suo padre ostacola il matrimonio , proprio per le umili origini di Gemma.
Il nobile fa loro una strana proposta, fingersi suoi parenti e accompagnarlo, travestiti da nobili, dal padre della fanciulla.
I due compari accettano con entusiasmo, ed ecco don Pasquale nelle vesti di padre con donna Concetta, sua moglie Pupella, sua figlia e don Felice, nelle vesti de ‘o’principe’ che accompagnano il marchesino dall’ex cuoco, che fa loro la più sontuosa accoglienza.
I finti aristocratici recitano con impegno la loro parte, e tutto andrebbe per il meglio , se ad un certo punto non arrivasse donna Luisella, alla quale non è riservata alcuna parte nella finzione e si scopre l’inganno.
La sceneggiatura è stata fedele al testo originale, la scenografia semplice, nessun effetto speciale se non la spontaneità e la bravura degli attori/studenti.
“Questo è l’ultimo atto di un progetto che, nell’ambito dell’arricchimento del curricolo, ha mirato a favorire l’espressione individuale e di gruppo, a facilitare l’integrazione fra i vari indirizzi dell’istituto, lavorando su relazioni e emozioni “dice la prof.ssa Guerra e aggiunge che” la sfida più grande è stata quella di mettere in scena negli ultimi due mesi , quelli più particolari per la scuola, un capolavoro che rappresenta la dura metafora della vita tra la vera miseria e la falsa nobiltà.
Perfetta fusione tra commedia degli equivoci e comicità verbale, un inchino al tema della fame secolare proprio di Pulcinella, lo spettacolo si è concluso con gli applausi di un pubblico divertito
e il saluto del nostro dirigente, prof. Carmine Collina .

Prof. Ida Ceparano

Altri articoli

Back to top button