ComunicatiIn evidenza

Torremaggiore si illumina con i fuochi della tradizione

Calore, emozioni e magia in una serata trascorsa all’insegna di un po’ di spensieratezza.

In tutte le cittadine è sempre bello ripercorrere le tradizioni e, soprattutto dopo la traumatica esperienza dovuta alla diffusione pandemica, ognuno di noi spesso e purtroppo, si è ritrovato solo con se stesso tra quattro mura.
I rapporti umani invece, come il piacere di una semplice passeggiata si sono fatti attendere; certamente, in questo caso, con tutte le precauzioni anticovid, almeno per quanto concerne quelle da tenere all’aperto.
Ed ecco Torremaggiore illuminarsi di fuochi in occasione della festa che un tempo era tanto attesa, e che si celebrava durante il giorno di San Giuseppe.
Le strade si riempivano di gente, soprattutto bambini che sgranavano gli occhi davanti ai falò.
“Stai attento! Ti stai avvicinando troppo e rischi di bruciarti”, riecheggiava l’amorevole raccomandazione.
Eppure, complici sia il freddo che la curiosità, capitava spesso di avvicinarsi a quel fuoco più del solito.
Lo scoppiettio sembrava inebriare l’anima ed il calore penetrarla quasi a riscaldarla.
Ebbene, quest’anno l’Amministrazione, le Associazioni, le Scuole ed i Cittadini tutti, si sono dati un gran da fare per “riaccendere le tradizioni” nel modo più bello e non solo con dei semplici falò.
Ne erano 6 come stelle che si sono accese, sabato 19 marzo, intorno alle ore 19,30.
Musiche, canti, suoni e danze; tutto in un cerchio magico intorno al fuoco, con alleati anche la bruschetta ed il sorso del bicchiere di un buon vino.
Visi, sorrisi e speranze ridondanti di giovialità ed allegria al rintocco di un’unica campana, quale quella dello stare insieme illuminati dalla sana e semplice amicizia.
Protagonisti della serata: il falò della Parrocchia Santa Maria della Strada presso l’Oratorio San Sabino, vicino la Pineta Comunale; il falò dell’Avis allestito presso la propria sede, ovvero nel cortile della ex Scuola Media “Celozzi”; il falò Aps Sbandieratori e Musici Florentinum, Pro loco e Aps Fuochi in Festa, presso il Piazzale di via Leopardi (Risparmio Casa); il falò della Scuola dell’Infanzia “La Gioiosa” ed Asilo Nido “Giocolandia”, in Piazza San Francesco; il falò ANffAS e l’angolo di Flò in via Palmiro Togliatti ed il falò della Scuola dell’Infanzia “Mary Poppins” e dell’Associazione “Mirko Valerio Emanuele”.
In occasione di quest’ultimo si sono esibiti: Nura Ciardiello; l’Associazione Musicale “Santa Cecilia”; “Abrassax Duo”; Christian Fulgaro e Sergio Spaccavento.

 

Altri articoli

Back to top button