Comunicati

TRICARICO, CITTÀ CIVILE: “FILMATO CHE SVILISCE LE ISTITUZIONI, SCRIVERÒ AL PREFETTO”

Come tanti utenti della rete ho potuto visionare un filmato pubblicato dal quotidiano L’Immediato (http://bit.ly/2oc0HsW ) relativo alla campagna elettorale del candidato Cusmai. Le immagini documentano una riunione, con ogni probabilità di carattere organizzativo, tenutasi presso strutture istituzionali della Pubblica Amministrazione e precisamente all’interno del Comune di San Severo. Le immagini descrivono, oltre all’assoluta mancanza di autonomia politica del Sindaco Miglio e del Vice Sindaco Sderlenga rispetto al socio di maggioranza della Coalizione Bene Comune, uno scarso senso delle istituzioni.
Preciso di non avere nulla di personale nei confronti del candidato, tale posizione di ferma condanna sarebbe stata presa nei confronti di chiunque.
Il filmato è stato girato all’interno di Palazzo di Città, la casa di ogni cittadino sanseverese e, fatto ancora più grave, nell’ufficio del Sindaco. Volendo sorvolare sul clima “goliardico” per non dire “da osteria”, con uso di espressioni dialettali e risate sguaiate, resta da spiegare la presenza del Segretario comunale in una riunione inequivocabilmente politica trasmessa in diretta web.
Nel video si fa inoltre riferimento a pacchetti elettorali riconducibili ad Associazioni sindacali e ai malati. Su questo pare superfluo qualsiasi commento.
In qualità di Presidente di Città Civile segnalerò l’accaduto al Prefetto, chiedendo una valutazione circa il rispetto della Legge 22 Febbraio 2000, n. 28 “Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica”, che all’art. 9 recita: Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni. Tutte le prefetture d’Italia nelle indicazioni generali ricordano che “l’espressione “pubbliche amministrazioni” deve essere intesa in senso istituzionale riguardando gli organi che rappresentano le singole amministrazioni e non con riferimento ai singoli soggetti titolari di cariche pubbliche, i quali possono compiere, da cittadini, attività di propaganda al di fuori dell’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, sempre che, a tal fine, non vengano utilizzati mezzi, risorse, personale e strutture assegnati alle pubbliche amministrazioni per lo svolgimento delle loro competenze”.
Tutto ciò premesso, mi dichiaro distante da questo modo di fare e di intendere la politica.
NAZARIO TRICARICO CITTÀ CIVILE

Altri articoli

Back to top button